Emergenza Covid-19
Emergenza Covid-19

Ancona, 23 maggio 2020 - Sono solo quattro i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle Marche, lo 0,7% rispetto ai 559 tamponi processati nel corso della giornata, numero che non include i test effettuati nei percorsi dei guariti e degli esami sierologici. Per la prima volta dall'inizio della crisi non sono stati individuati nuovi 'positivi' nella provincia di Pesaro-Urbino; i nuovi contagi sono stati riscontrati nel Maceratese (2), nel Fermano (1) e in una persona non residente nelle Marche.

Nelle ultime 24 ore si registra un solo decesso per Covid-19. E' deceduto un uomo di 70 anni di Ancona, con pataologie pregresse.

Leggi anche Scuola, stallo sui concorsi. Conte farà proposta di mediazione - Vacanze e quarantena, l’Europa si spacca - Sblocca cantieri: ecco la bozza del governo

I dati sono stati diffusi oggi dal Gores, il gruppo operativo regionale per la gestione dell'emergenza sanitaria. Dall'inizio della pandemia, i casi accertati sono diventati 6.701, l'11,1% rispetto ai 60.232 test complessivamente effettuati, con una crescita dello 0,02% sul totale del giorno precedente.I decessi complessivi sono invece 994, 594 uomini e 400 donne. 

Cresce ovviamente il numero dei guariti, che tocca quota 3.995 nelle Marche. Continuano a svuotarsi i reparti di terapia intensiva: 15 i ricoverati sul totale di 115 sparsi nei varsi ospedali della regione. 

Leggi anche Dalle Marche ora visite anche ai parenti di Umbria e Toscana (per i Comuni confinanti)

Casi positivi, la metà senza sintomi

I casi positivi nelle Marche, gli stessi che vengono inseriti quotidianamente nel database predisposto dall'Istituto superiore di Sanità,  risultano essere tutti i nuovi casi rilevati con primo tampone positivo, senza distinguere la presenza o meno di sintomatologia, la quale viene valutata attraverso l’indagine epidemiologica, fa sapere la Regione in una nota.

La percentuale dei casi rilevati dal 10 di maggio al 21 si distribuisce come segue: il 52,6% dei casi rilevati risultano essere da persone asintomatiche (1 su 2 non risulta avere sintomi), il 23,1% dei casi positivi risultano essere da pauci-sintomatici e il 24,4% risultano da persone con sintomatologia lieve sintomatica.

Analizzando la distribuzione nel tempo dello stato clinico dei soggetti con primo tampone positivo si rileva la seguente distribuzione: i soggetti asintomatici dal 15 di maggio risultano essere una media del 66,7% dei casi rilevati, i soggetti pauci-sintomatici dal 15 di maggio risultano essere il 33,32% e i soggetti con indicato stato clinico lieve non si rilevano negli ultimi 7 giorni.

Con l’aumento delle guarigioni in un primo momento e poi con la sperimentazione dei test sierologici, a questo percorso diagnostico si sono aggiunti il percorso guariti (verifica del doppio tampone negativo) e il percorso sierologico (verifica dei risultati positivi al test attraverso tampone).