Covid, campagna vaccinale
Covid, campagna vaccinale

Ancona, 4 gennaio 2021 - Nel giorno in cui la Regione Marche fa slittare la riapertura delle scuole a febbraio con una nuova ordinanza regionale ad hoc, si abbassa nelle Marche l'indice di positività tra nuovi casi e tamponi testati nell'ambito del percorso diagnosi passando al 15,2% delle ultime 24 ore rispetto all'oltre 26% registrato il giorno precedente. A dirlo è il consueto bollettino dei contagi delle Marche di oggi 4 gennaio. Il Servizio Sanità della Regione ha infatti comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 3.038 tamponi: 2.321 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1.506 nello screening con percorso Antigenico) e 717 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 15,3%). I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 355. Purtroppo si registrano 19 decessi: è il picco massimo di questa seconda ondata. 

Il focus Nuovo Dpcm: cosa può cambiare dal 7 gennaio. Spostamenti, scuola e coprifuoco

La mappa dei nuovi positivi

Sono 355 i nuovi positivi: 91 in provincia di Macerata, 133 in provincia di Ancona, 76 in provincia di Pesaro-Urbino, 25 in provincia di Fermo, 9 in provincia di Ascoli Piceno e 21 fuori regione.

La storia Negazionista ricoverato: "Non volevo capire". Ha la polmonite bilaterale e gli serve ossigeno

I motivi del contagio

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (34 casi rilevati), contatti in setting domestico (85 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (112 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (11 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (14 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (3 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (12 casi rilevati), screening percorso sanitario (7 casi rilevati). Per altri 77 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 1.506 test e sono stati riscontrati 15 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari all'1%.

Ricoveri in aumento

Continua ad aumentare il numero di ricoverati per Covid-19 nelle Marche: nelle ultime 24 ore sono passati da 546 a 552 (+6); in crescita i degenti in Semintensiva (145, +4) e reparti non intensivi (342, +4) e in calo invece quelli in Terapia intensiva (65, -2). Sono 16 i pazienti dimessi nell'ultima giornata. Più assistiti nei pronto soccorso, tecnicamente non ricoverati, (52, +6) e due ospiti in meno nelle strutture territoriali ((230). Il Servizio Salute della Regione fa sapere anche che continua ad aumentare il numero di positivi in isolamento domiciliare (11.765, +245) e anche di guariti (29.397, +96); mentre cala quello degli isolati in casa per contatto con contagiati (13.365, -287; 4.035 alle prese con sintomi, 597 gli operatori sanitari).

Morti e Covid: 19 vittime nelle Marche

Picco di decessi per la seconda ondata pandemica nelle Marche: nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 19, che fanno salire il bilancio regionale delle vittime a 1.634. Si tratta di 11 donne e 8 uomini tra i 45 e i 99 anni, tutti con alle spalle anche altre patologie. È la provincia di Ancona, comunica il Servizio Sanità della Regione Marche, a far registrare il numero più alto di decessi, 7: sono una 61enne di Trecastelli, una 73enne e una 94enne di
Falconara Marittima, un uomo e una donna entrambi 88enni di Senigallia, una 59enne e un 84enne di Arcevia. Cinque morti erano della provincia di Pesaro Urbino: la più giovane una 45enne di Mondolfo, e ci sono poi un 79enne, una 84enne e una 93enne di Pesaro, un 91enne di Mercatello sul Metauro. Altri tre deceduti provenivano dal Maceratese: un 71enne di Caldarola, un 76enne di Potenza Picena e una 99enne di Monte San Giusto. Infine due vittime nell' Ascolano (un 55enne di Roccafluvione e un 79enne di Monsampolo del Tronto) e una in provincia di Fermo (un 89enne di Porto Sant'Elpidio).

Le altre notizie 

Zona arancione 4 gennaio: cosa si può fare in Emilia Romagna e Marche

Vaccino AstraZeneca, ok entro gennaio. "Ecco il perché del ritardo"