Le tende vengono montate fuori dagli ospedali
Le tende vengono montate fuori dagli ospedali

Bologna, 4 febbraio 2020 - Salgono di altri 124 i positivi a Coronavirus in Emilia Romagna, rispetto a ieri. Tra questi ci sono anche l'assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini e la sua collega alla Pari oppurtunità e alla Montagna Barbara Lori. Il quadro si complica, quindi, e l'aggiornamento dei dati arriva proprio nei minuti in cui il premier Conte annuncia la chiusura in tutta Italia delle scuole e delle università fino al 15 marzo: una decisione che comprende, ovviamente, anche il territorio dell'Emilia Romagna.

AGGIORNAMENTO / Emilia Romagna, Donini malato, torna Sergio Venturi

Tutti i 543 malati presentano un quadro clinico non grave o addirittura asintomatico. Sono 234 i pazienti in cura a casa, dove rispettano l’isolamento previsto, e 26 quelli ricoverate in terapia intensiva (due in più rispetto a ieri). Tra ieri e oggi ci sono stati altri 4 decessi, portando così a 22  il numero delle vittime da Coronavirus.

Il bilancio nel Veneto - Più vittime anche nelle Marche

Sale anche il numero delle persone “clinicamente guarite”, che non presentano cioè più alcuna manifestazione dovuta al virus, 6 in tutto: tra loro anche una ragazza, la prima ad ammalarsi a Bologna che è stata dimessa. 

Dei 124 nuovi casi rilevati, 63 riguardano Piacenza, 31 si riscontrano a Parma, 6 a Reggio Emilia, 8 a Modena, 5 a Bologna, a cui si somma 1 caso registrato nel circondario imolese, 9 a Rimini, 1 a Bertinoro, nel Forlinese. Resta invariato il numero delle persone risultate positive a Ravenna (2).

Terapia intensiva

La Regione è intanto impegnata a incrementare il numero dei posti letto in terapia intensiva: entro la settimana, per le strutture ospedaliere del piacentino, sarà garantito il raddoppio delle postazioni di terapia intensiva che passeranno da 15 a 33 (oltre le 9 postazioni per l’attività ordinaria, extra Coronavirus).

Giunta positiva

"Sto bene, sono asintomatico", sono le prime parole su Facebook dell'assessore alla Salute Raffaele Donini, risultato positivo al Coronavirus assieme all'assessore alle Pari oppurtunità e alla Montagna Barbara Lori. "Non ho febbre, non ho tosse, non ho raffreddore - prosegue sul social network Donini - e la visita medica che mi hanno effettuato non ha dimostrato alcun problema fisico, tanto meno di natura polmonare. Sto a casa mia, ma continuerò a lavorare da qui. Fiducioso che alla fine la spunteremo noi in questa battaglia".

Leggi anche La situazione in Italia Partite di C rinviate - Come si cura Le differenze con l'influenza Come difendersi

Lori aveva partecipato alla seduta di insediamento della Giunta venerdì scorso. La prima a risultare positiva è stata la Lori. Subito dopo aver appreso la notizia, ieri sera tardi, il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, il sottosegretario Davide Baruffi e l’assessore Donini si sono sottoposti al test tampone, per motivi legati all’operatività della Regione e doverose ragioni precauzionali. In particolare, l’assessore Donini era entrato in più diretto contatto con Barbara Lori nei giorni scorsi.

Coronavirus in Emilia Romagna, nuovi casi e vittime - Il bilancio nel Veneto

Il presidente Bonaccini e il sottosegretario Baruffi sono risultati negativi. Positivo, invece, l’assessore Donini. Già questa mattina, gli altri componenti la Giunta sono stati sottoposti al test. Lori e Donini sono in buone condizioni e si trovano presso le loro abitazioni, dove rispetteranno il periodo di isolamento. In entrambi i casi è in corso di definizione la lista dei contatti avuti nei giorni passati e, così come previsto dai protocolli, verranno svolti gli accertamenti sulle persone interessate, contattate direttamente dalle strutture sanitarie competenti territorialmente. Il presidente Bonaccini parteciperà all’incontro con il premier Conte e le parti sociali dedicato alle misure economiche, previsto nel pomeriggio a Roma, collegato in videoconferenza dalla Regione, a Bologna.

Tra i positivi al tampone anche il sindaco del comune piacentino di Calendasco, Filippo Zangrandi, come lui stesso ha annunciato ieri su Facebook. Zangrandi è anche dipendente della Regione Emilia-Romagna. Per questo motivo il suo ufficio, all'assessorato Ambiente, è stato oggetto di una pulizia approfondita. Dalla Regione viene precisato che in questi giorni tutti i locali dell'ente vengono puliti in modo molto accurato. Pare che Zangrandi non andasse in ufficio da una settimana.

Il direttore dell’Azienda Usl di Ferrara, Claudio Vagnini, a seguito della vicenda relativa alla positività al coronavirus da parte dell’assessore Donini, ha segnalato i contatti avuti nei giorni scorsi con l’assessore. Su disposizione del dipartimento di sanità pubblica, come da protocollo, da questa mattina, in via precauzionale, anche se asintomatico ha iniziato il periodo di isolamento al proprio domicilio, che durerà 14 giorni.

I dieci comportamenti da seguire