Test per coronavirus
Test per coronavirus

Bologna, 25 luglio 2020 - Oggi in Emilia Romagna sono 49 i nuovi contagi da Coronavirus, di cui 32 asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. I guariti salgono a 23.778 (+20), quasi l'81% da inizio crisi. Registrato anche un nuovo decesso: si tratta di una donna nella provincia di Ferrara

L'aggiornamento del 26 luglio

I focolai in regione 

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 29.461 casi di positività. La gran parte dei nuovi positivi sono riconducibili a focolai o casi già noti. In particolare, in merito alle due province nelle quali oggi si registrano più casi, in quella di Modena, degli 11 nuovi casi, in gran parte asintomatici (8), 4 sono collegati al noto caso di positività riscontrato a Riccione, la giovane turista modenese poi rientrata in città, 3 al focolaio individuato sempre nei giorni scorsi in un prosciuttificio e uno relativo a una persona rientrata dall’estero.

In provincia di Piacenza, poi, dei 9 nuovi casi, anche qui in gran parte asintomatici (7), 3 sono relativi ai controlli nel comparto della lavorazione carni, 2 da tracciamento di casi precedenti e uno dal tampone che la Regione ha reso obbligatorio prima di essere ricoverati (in questo caso in una casa di cura). Tutti casi nei quali le persone sono già in isolamento.L’azione di prevenzione e controlli sta quindi permettendo di individuare persone asintomatiche. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi - relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Tamponi e guarigioni 

I tamponi effettuati da ieri sono 6.557, per un totale di 609.845. A questi si aggiungono anche 1.542 test sierologici. I guariti salgono a 23.778 (+20), quasi l’81% dei contagiati da inizio crisi. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 1.399 (27 in più di quelli registrati ieri). Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 1.317 (+28 rispetto a ieri). Restano complessivamente 4 i pazienti in terapia intensiva, scendono a 78 (-1) quelli ricoverati negli altri reparti Covid. Le persone complessivamente guarite salgono a 23.778 (+ 27 rispetto a ieri): 183 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 23.595 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. 

La mappa dei contagi provincia per provincia

Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.588 a Piacenza (+9, di cui 1 sintomatico), 3.756 a Parma (+2 ), 5.079 a Reggio Emilia (+4, di cui 3 sintomatici), 4.095 a Modena (+11 di cui 3 sintomatici), 5.213 a Bologna (+ 6, di cui 3 sintomatici); 421 a Imola (+3, di cui 2 sintomatici),1.081 a Ferrara (+2, di cui 1 sintomatico); 1.143 a Ravenna (+2, di cui 1 sintomatico), 986 a Forlì (+6, di cui 3 sintomatici), 829 a Cesena (+2) e 2.270 a Rimini (+2).

Rt superiore a 1

Venerdì 24 luglio l'Emilia Romagna aveva superato  la Lombardia per i numero di infezioni, l'altra regione ne aveva registrati infatti 53. Oggi invece la Lombardia detiene il triste primato con 79 casi. E l'Emilia Romagna è tra le 6 regioni in cui l'indice di contagio Rt è superiore a 1: qui il tasso di contagiosità, a ieri, era a 1,14. 

Le altre notizie di oggi sul Covid-19

Coronavirus, professor Viale. "Asintomatici non pericolosi"

Coronavirus, il bollettino di oggi in Italiia. Tabella e dati

Nuova ordinanza di Bonaccini: ecco come si misura il metro di distanza

L'ultimo provvedimento in Emilia Romagna firmato dal presidente Stefano Bonaccini stabilisce che il metro di distanziamento, quale misura di sicurezza per evitare il contagio da Covid-19, va misurato da  da bocca a bocca. Questo in ogni contesto, sia in spazi al chiuso che all’aperto e caratterizzati da posizioni fisse e prestabilite.

Il provvedimento rivede anche il numero massimo dei partecipanti alle cerimonie religiose che non può, in ogni modo, superare il numero massimo di 350 persone.