La lotta al Covid-19 prosegue nelle Marche
La lotta al Covid-19 prosegue nelle Marche

Ancona, 22 marzo 2020 - Oggi le Marche toccano il record di contagi dall'inizio dell'emergenza, ma contemporaneamente ci sono anche 4 guariti. Oggi sono 268 i campioni positivi (nelle ultime 24 ore), su un totale di 651 analizzati (pari al 41,17%). In valore assoluto, le positività sono cresciute di circa il 56%.

Leggi anche Coronavirus Marche, ospedali allo stremo. "Possiamo resistere 15 giorni"

Il dato fornito oggi è il più alto dall'inizio della crisi sia per test effettuati in una sola giornata, sia per numero di positività e segna anche un significativo incremento rispetto al 30,17% di positivi al test comunicata ieri. Complessivamente, i marchigiani contagiati da coronavirus sono 2.421, il 37,88% rispetto ai 6.391 campioni testati dall'inizio della crisi sanitaria.

Leggi anche Coronavirus Ancona, neonato positivo al Salesi

Non può essere considerata una guerra, ma poco ci manca.  Oggi si registrano 19 decessi, il totale delle persone morte affette da Coronavirus sale a 202 (136 uomini e 66 donne), così suddivisi: 145 risiedevano nella provincia di Pesaro Urbino, 30 nella provincia di Ancona, 11 in quella di Macerata, 15 in quella di Fermo e uno in quella di Ascoli. 

Leggi anche Il decreto del 22 marzo: pdf

La curva del contagio nelle Marche

 

Leggi anche  Come capire se si è a rischio 

L’età media delle vittime sfiora gli 80 anni.  Tra le 19 vittime registrate oggi dal Gores, ci sono 12 uomini, di età compresa tra 62 e 90 anni, e 7 donne, di età compresa tra 67 e 94 anni; 14 erano residenti in nel Pesarese, 1 nel Maceratese, 1 nel Fermano e 3 in provincia di Ancona. 
 

Una nuova struttura dedicata alla terapia intensiva, arriva Bertolaso 

Lo ha detto il governatore Luca Ceriscioli: "Questa mattina ho contattato l’ex capo della Protezione civile nazionale Guido Bertolaso, che attualmente sta collaborando con la Regione Lombardia nella gestione dell’emergenza Coronavirus. Qui infatti vogliamo  attuare le stesse soluzioni messe in campo dalla Lombardia visto che le Marche sono la seconda regione, dopo la Lombardia, in termini di difficoltà legata all’emergenza sanitaria".

"Ho chiesto a Bertolaso - spiega ancora Ceriscioli - la disponibilità a venire da noi per impostare il lavoro per la realizzazione di una struttura dedicata alla terapia intensiva. In questo senso abbiamo già compiuto un miracolo, perché siamo già cresciuti di 85 posti letto dedicati, ma ne serviranno molti di più. I dati di oggi, infatti, confermano una crescita importante, soprattutto su Ancona".

"Bertolaso arriverà domani mattina all’aeroporto di Falconara insieme a Patrizia Arnosti (una figura tecnica specializzata nella progettazione di strutture sanitarie, molto legata al nostro territorio, che conosce profondamente) - conclude il presidente della Regione.