Ancona, 2 aprile 2020 - Gli ospedali sotto forte pressione, in attesa che vegano resi operativi i nuovi letti nell'ospedale da campo di Jesi e soprattutto quelli nel padiglione fieristico di Civitanova. E soprattutto 54 nuove vittime: 31 le persone che hanno perso la vita per il covid-19 nelle ultime ore e altre 23 sono quelle su cui è stato fatto il tampone post mortem che è poi risultato positivo. I decessi per questo virus salgono così a 557.

L'aggiornamento del 3 aprile

La sotuazione nelle Marche, insomma, non è proprio rosea, ma per fortuna arrivano anche i dati dei contagi che continuano ad essere in frenata. Il dato di oggi anzi è ancora più confortante di quello di ieri. Il Gores ha comunicato i risultati delle analisi sui tamponi effettuate nelle ultime 24 ore: su 647 analizzati sono 136 i positivi (21%). Ieri erano 137 su 572 analizzati (24% circa). La percentuale di oggi conferma il rallentamento degli incrementi giornalieri: un trend che sta andando avanti da qualche giorno.

Dall'inizio dell'epidemia, nelle Marche sono stati riscontrati 4098 casi di positività al covid-19, 12943 i tamponi analizzati complessivamente.I dati sono così ripartiti per provincia: 1.796 contagiati a Pesaro Urbino, 1.211 ad Ancona, Macerata 533, Fermo 284 ed Ascoli Piceno 227. I dimessi e i guariti sono 262 e più esattamente 222 dimessi e 40 guariti.  

Coronavirus 2 aprile, i contagi nelle Marche: il trend

I decessi

Sono dunque 54 le vittime accertate nell'ultimo bollettino del Gores, 31 avvenute nelle ultime ore: di queste, 17 erano residenti nella provincia di Pesaro Urbino (e 3 a Sant'Angelo in Vado), 8 in quella di Ancona, 4 a Macerata, 1 Fermo e 1 ad Ascoli Piceno

Delle 23 persone il cui tampone solo ora che sono morte a causa del civid, 11 era residenti in provincia di Pesaro Urbino, 4 a Fermo, 1 a Macerata, 1 ad Ascoli Piceno. Una era della provincia di Perugia.

Ceriscioli: "Picco a metà aprile"

"I nostri dati epidemiologici ci dicono che a metà aprile è previsto il picco e per questo lavoriamo a 'Progetto 100' (presidio ospedaliero temporaneo con 100 posti
letto di terapia intensiva, ndr)". Lo ha detto ieri sera il Governatore delle Marche Luca Ceriscioli nel servizio andato in onda a 'Porta a Porta' su Raiuno. Sono intervenuti anche Matteo Cicconi, sindaco di Pioraco ossia il piccolo Comune del maceratese (1.000 abitanti) che fino a qualche giorno fa vantava il triste primato di avere il rapporto più altro tra contagiati e numero di abitanti, il parrocco di Pioraco, Sefro e Fiuminata don Cherubino Ferretti e Cinzia Borgognoni dell'azienda 'Ospedali Riuniti' di Ancona.

"Nelle Marche abbiamo 170 posti letto di terapia intensiva totalmente dedicati al Covid-19: sono tutti occupati e come si libera un posto viene immediatamente occupato -  dice Ceriscioli-. Abbiamo anche delle persone intubate in attesa di poter andare in terapia intensiva. Già oggi la situazione è di forte tensione. Si è contagiato moltissimo il Nord nella prima fase e adesso si sta spostando verso Ancona, Macerata, Fermo ed Ascoli Piceno".
 

Marche, ieri 26 vittime. I numeri dell'ultimo bollettino 

Salgono le vittime residenti in provincia di Ancona: altre 6 ieri che porta il numero complessivo a 101 superando una barriera numerica importante.

Tre delle vittime si chiamavano Alessandrina Pepa, un’anconetana di 90 anni deceduta nella casa di riposo Villa Pini di Civitanova, e poi due pensionati sessantenni di Montemarciano e Numana, Pierino Aquili e Tonino Talenti, entrambi morti all’ospedale regionale di Torrette nei reparti di cardiologia e pneumologia trasformati in area Covid. Un uomo di Corinaldo di 79 anni si è spento all’ospedale di Senigallia, un altro di 78 anni a Jesi e sempre nell’ospedale ‘Urbani’ è morta una donna di 83 anni residente a Monte San Vito.

Leggi anche: Bonus alimentare, la guida  Le misure prorogate al 13 aprile  La cura domiciliare  Le terapie 

Nel complesso, oltre a quelle anconetane, le vittime sono state 26 dopo le 25 del giorno precedente, altro segnale evidente che il peggio è tutt’altro che passato. In questo modo il numero in regione sfonda il tetto dei 500 e si assesta su 503 (338 uomini e 165 donne) e la statistica dei decessi in relazione ai contagi contribuisce ad un piccolo ma costante rialzo al 12,6%, tra i più alti d’Italia, anzi, secondo soltanto alla Lombardia.

La provincia di Pesaro Urbino sale a 294 mentre quella di Ancona supera quota 100 e arriva a 101, mentre Macerata sale a 62, Fermo a 37 e Ascoli a 4. Delle 26 vittime, 2 non presentavano patologie pregresse (la percentuale torna a salire, è al 95%, dopo che in pochi giorni è crollata dal 98,5% a causa di una serie di casi non collegabili al Covid). Quella più giovane aveva 44 anni (un uomo di Gradara morto a marche Nord), la più anziana un uomo di 93 anni residente a Mondolfo, anche lui morto nell’ospedale pesarese.

LEGGI ANCHE Coronavirus Ancona, fisioterapista morta mentre aspetta il tampone

Da segnalare il caso di Villa Pini, la struttura privata convenzionata, dove sono morte quattro persone tutte di 90 anni, residenti due a Civitanova, a Porto Recanati e ad Ancona. All’ospedale di Civitanova sono morte altre 6 persone, 5 a Pesaro, 3 a Urbino e Jesi, 2 a Senigallia e a Torrette e 1 a Fossombrone.