Ancona, 15 gennaio 2021 - Continua a salire la percentuale dei contagi da coronavirus nelle Marche e aumentano anche i ricoveri. E sono nove le vittime del Coronavirus nelle ultime 24 ore. Se ieri il rapporto tra tamponi testati e positivi era poco sopra al 26%, oggi è cresciuto fino ad arrivare al 28,6%.

AGGIORNAMENTO Covid: bollettino del 16 gennaio. Dati Marche

Infatti, come fa rilevare il nuovo bollettino Covid del 15 gennaio, i nuovi casi sono 571 a fronte di 1.993 tamponi molecolari analizzati. Per ciò che riguarda invece il percorso screening antigenico, sono stati effettuati 1.926 test e sono stati riscontrati 58 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 3%. Sul fronte ricoveri  torna quindi a crescere il numero di degenti Covid negli ospedali e nei Pronto soccorso (+6). Sei pazienti Covid in più anche nelle terapie intensive rispetto al giorno precedente.

image

La mappa del contagio

I positivi nel percorso nuove diagnosi sono dunque 571 e così distribuiti sul territorio: 132 in provincia di Macerata, 175 in provincia di Ancona, 111 in provincia di Pesaro-Urbino, 92 in provincia di Fermo, 38 in provincia di Ascoli Piceno e 23 fuori regione.

Come ci si contagia

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (63 casi rilevati), contatti in setting domestico (108 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (158 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (34 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (25 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (9 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (22 casi rilevati), screening percorso sanitario (9 casi rilevati) e 1 rientro dall'estero. Per altri 142 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. 

Crescono ricoveri e tereapie intensive

E' tornato a crescere il numero dei pazienti Covid assistiti negli ospedali delle Marche: sono complessivamente 703, 6 in più nelle ultime 24 ore, dei quali 669, 10 più di ieri, ricoverati nei reparti e 34 (-3) nei pronto soccorso. Nelle terapie intensive sono assistite 82 persone, 6 in più rispetto al giorno precedente: 30 (+5) a Pesaro, 16 (+2) a Torrette, tra i quali uno nella pediatria, 12 (+1) a Jesi, 12 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 5 (-1) a Fermo e 7 (-1) a San Benedetto del Tronto. Nelle aree di semi-intensiva sono assistite 155 persone, 2 meno di ieri: 55 (+1) a Pesaro, 17 (-1) a Torrette, 16 (-1) al covid di Senigallia, 12 a Jesi, 1 a Macerata, 28 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 12 a Fermo, 11 (-1) a San Benedetto del Tronto e 4 ad Ascoli Piceno. 

I decessi

Nelle Marche sono 9, dopo le 10 di ieri, le vittime correlate al Covid-19, tutte con patologie pregresse: 3 donne e 6 uomini, di età compresa tra 64 e 92 anni. Salgono così a 1.772 i decessi dall'inizio della crisi pandemica, 156 dall'inizio del mese. Si tratta di 1.005 uomini e 767 donne, con un'età media di 81 anni: in provincia di Pesaro-Urbino sono morte finora 762 persone, in provincia di Ancona 414, in quella di Macerata 295, 141 nel Fermano e 144 nel Piceno; nel bilancio delle vittime ci sono anche 16 persone che non risiedevano nelle Marche.

Nuovo servizio dell'app Immuni

Da oggi sarà attivo, per la regione Marche, un nuovo servizio collegato all’App Immuni. Il servizio consentirà agli assistiti che effettuano il tampone molecolare di segnalare autonomamente la propria positività al Covid-19 attraverso il call center nazionale dedicato all’App Immuni, rispondente al numero verde gratuito 800.91.24.91, attivo dalle ore 07 alle ore 22. Questo servizio affianca, e non sostituisce, le attività di sblocco dell’app Immuni attualmente in carico agli operatori dei Dipartimenti di Prevenzione.

Coronavirus Italia e mondo

Nuovo Dpcm: palestre, bar e cinema. Cosa cambia dal 16 gennaio nelle Marche

Nuovo Decreto: quasi tutta l'Italia in arancione. Stop spostamenti

Marche: mazzata arancione. Ira di Acquaroli: "Gente esasperata"

L'Emilia Romagna resta in zona arancione dal 16 gennaio

Francia: coprifuoco alle 18. C'è la variante inglese? Tamponi di massa a studenti (dai 6 anni) e prof