Bologna, 27 settembre 2020 - Restano ancora sotto quota 100 i nuovi casi di Coronavirus in Emilia Romagna: su quasi 9.300 tamponi oggi ne sono stati rilevati 96, in calo rispetto a ieri quando erano 99. Purtroppo, si registra un nuovo decesso: un uomo di 93 anni a Parma. L'età media dei nuovi casi è di 38 anni. Questi i dati principali del bollettino di oggi sulla diffusione della pandemia, diffusi dalla Regione. 

Dall’inizio dell’epidemia da Covid-19, in Emilia Romagna sono stati registrati 35.028 casi di positività, 96 in più rispetto a ieri, di cui 54 asintomatici individuati nell’ambito delle attività di tracciamento dei contatti e screening regionali.

L'aggiornamento del 28 settembre

Sul totale dei nuovi casi, 48 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 52 sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti.

Sono 10 i nuovi contagi collegati a rientri dall’estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l’isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia, Malta e regioni della Francia. Il numero di casi di rientro da altre regioni è 3.

Sui 54 asintomatici, 31 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 19 attraverso i test per categorie a rischio introdotti dalla Regione, 3 con gli screening pre-ricovero, uno è stato individuato tramite test sierologico.

La mappa del contagio

Questi i casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 5.030 a Piacenza (+14, di cui 5 sintomatici), 4.273 a Parma (+11, di cui 6 sintomatici), 5.774 a Reggio Emilia (+17, di cui 13 sintomatici), 4.882 a Modena (+8, di cui 4 sintomatici), 6.237a Bologna (+13, di cui 3 sintomatici), 582 a Imola (+6, 1 sintomatico), 1.442 a Ferrara (+4, nessuno sintomatico), 1.779 a Ravenna (+4, di cui 3 sintomatici), 1.342 a Forlì (+12, di cui 2 sintomatici), 1.113 a Cesena (+1 sintomatico), 2.574 a Rimini (+6, di cui 4 sintomatici).

I focolai: ecco le province con più casi

Il maggior numero di casi si registra nelle province di Reggio Emilia (17), Piacenza (14), Bologna (13), Parma (11) e a Forlì (12).

In provincia di Reggio Emilia, dei 17 nuovi casi 10 riguardano focolai familiari già noti, un caso legato a un focolaio legato a gruppo di amici e uno da tracciamento seguito a focolaio in ambito lavorativo, mentre 5 sono casi sporadici.

In provincia di Piacenza, su 14 nuovi positivi 9 sono stati individuati in quanto contatti di casi già noti (di cui 2 riconducibili ad ambito scolastico), 3 a seguito di tamponi effettuati per presenza di sintomi e 2 sono i casi di rientro dall’estero (Romania ed Egitto).

In provincia di Bologna, su 13 nuovi positivi 10 sono riconducibili a focolai già noti, 3 sono invece casi sporadici). 3 i sintomatici. Per quanto riguarda i 10 asintomatici, 4 sono stati individuati in seguito ad attività di contact tracing, 5 dopo test per categoria professionale, un altro da test effettuato in pre-ricovero. Sul totale dei casi, uno è un rientro dall’estero (Gran Bretagna), un altro da un'altra regione italiana.

In provincia di Parma degli 11 nuovi casi 4 sono stati individuati da contact tracing, 3 grazie a test pre ricovero (tutti sintomatici, 2 da focolai noti), uno da test di screening in ricovero, uno è un paziente sintomatico, uno da rientro dall'estero (Senegal) e uno è un operatore individuato dopo lo screening in una casa di riposo per anziani.

Forlì, su 12 positivi (10 riconducibili a focolai già noti, 2 invece casi sporadici), solo 2 hanno manifestato sintomi. Per quanto riguarda i 10 asintomatici, 8 sono stati individuati in seguito ad attività di contact tracing e 2 tramite test per categoria professionale. Sul totale dei casi, 2 quelli da rientro dall’estero (Tunisia e Marocco).

Tamponi e test sierologici

tamponi effettuati sono 9.295, per un totale di 1.150.825. A questi si aggiungono anche 2.058 test sierologici.

Calano i casi attivi e i ricoverati in terapia intensiva

I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 4.682 (-35 rispetto a ieri).

Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 4.466 (-34 rispetto a ieri), il 95% dei casi attivi.

Cala ancora (-2) il numero dei pazienti in terapia intensiva, che in tutto sono 15. Sono 201 (+1) i ricoverati negli altri reparti Covid.

Le persone complessivamente guarite hanno raggiunto quota 25.864 (+130 rispetto a ieri): 8 “clinicamente guarite” (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 25.856 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Studio per produrre plasma iperimmune

 Al via in Emilia Romagna un nuovo studio voluto dalla Regione per valutare la fattibilità di un percorso di produzione di plasma, la componente liquida del sangue, da pazienti e donatori che hanno contratto l’infezione da Sars-CoV-2 sviluppando poi gli anticorpi.

L’immunoterapia passiva effettuata con l’impiego del plasma dei pazienti guariti – definito plasma iperimmune – potrebbe, spiega la Regione, "rappresentare un approccio da tenere in considerazione nel trattamento delle infezioni da SarsCoV-2, sulla base delle esperienze maturate in altri Paesi, tra cui Cina e Stati Uniti".

image

Covid in Italia, i dati e la tabella con i numeri di tutte le regioni

Dal bollettino del ministero della Salute emerge che in Italia si sono registrati 1.766 nuovi casi nelle ultime 24 ore, a fronte del 1.869 di ieri, ma con quasi 20 mila tamponi in meno (84.714 oggi). Le vittime sono 17 come il giorno precedente, per un totale di 35.835. Il numero complessivo dei contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 309.870. Solo la Valle d'Aosta fa registrare zero nuovi casi.

Notizie Coronavirus

I contagi nelle Marche - La situazione in Toscana - Oltre 200 casi in Lombardia

Covid, l’epidemiologo: "L’emergenza? È finita a maggio. Seconda ondata a primavera"

Mondo, quasi un milione di morti. Gli aggiornamenti