Coronavirus Italia, i dati Emilia Romagna del 9 ottobre
Coronavirus Italia, i dati Emilia Romagna del 9 ottobre

Bologna, 9 ottobre 2020 - Sono 276 i nuovi contagi  da Covid-19 in Emilia Romagna (ieri erano 184) su oltre 10.700 tamponi. Gli asintomatici sono 126. Purtroppo c'è una vittima, risiedeva nella provincia di Ferrara. Sono questi i numeri principali del bollettino di oggi della Regione, qui di seguito l'approfondimento.

Qui l'aggiornamento del 10 ottobre

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 36.914 casi di positività. Il numero totale dei decessi sale  a 4.493.

L’indice di trasmissione RT in Emilia-Romagna è inferiore a uno, considerata la soglia di rischio: 0,84 rispetto a quello medio nazionale di 1,06.

 Focus Coronavirus Italia, dati e tabella del 9 ottobre. Ecco i numeri delle regioni

Dei 276 casi rilevati nelle ultime 24 ore, 124 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 126 sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 42,9 anni. 

Sono 28 i nuovi contagi collegati a rientri dall’estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l’isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia, Malta e regioni della Francia. 11 invece i casi positivi di rientro da altre regioni. 

Sui 126 asintomatici, 77 sono stati individuati grazie all’attività di tracciamento dei contatti, 32 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 9 con i test pre-ricovero, 3 identificati in seguito a test sierologico positivo. Per 5 casi è in corso la verifica sul motivo del tampone.

Nuovi contagi e sintomatici, i numeri provincia per provincia

Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 5.275 a Piacenza (+35, di cui 14 sintomatici), 4.459 a Parma (+28, di cui 13 sintomatici), 5.993 a Reggio Emilia (+48, di cui 31 sintomatici), 5.138 a Modena (+52, di cui 28 sintomatici), 6.623 a Bologna (+29, di cui 20 sintomatici); 597 casi a Imola (+2, di cui 1 sintomatico), 1.515 a Ferrara (+26, di cui 5 sintomatici); 1.880 a Ravenna (+11, di cui 7 sintomatici), 1.492 a Forlì (+20,  di cui 13 sintomatici), 1.192 a Cesena (+9, di cui 7 sintomatici) e 2.750 a Rimini (+16, di cui 11 sintomatici).

I focolai

Per quanto riguarda la situazione nelle province, i numeri più elevati si registrano a Modena (52), a Reggio Emilia (48), a Piacenza (35), a Bologna (29), a Parma (28), a Ferrara (26), a Rimini (16), a Ravenna (11) e a Forlì (20).  

In provincia di Modena, su 52 nuovi positivi, 8 sono rientri dall'estero (2 Albania, 3 Ucraina, 1 Marocco, 1 Moldavia, 1 Francia) e 1 da altre regioni (Trentino Alto Adige); 28 sono contatti di casi noti legati a diversi focolai familiari, 3 sono positivi a screening per categorie professionali e in ambito scolastico, 2 sono risultati positivi al tampone pre-ricovero e 10 sono casi sporadici.

Nel Reggiano su 48 nuovi casi positivi, 12 sono riconducibili a focolai familiari, 9 classificati come sporadici, 5 importati dall'estero (Marocco, Repubblica Ceca, Ucraina, Moldavia, Romania), 14 riconducibili a focolaio isolato in una struttura per anziani, 8 a focolai noti (2 in ambito scolastico, 4 lavorativo, 2 di amici). 44 le persone in isolamento domiciliare, 4 ricoveri in terapia non intensiva.

Per quanto riguarda Piacenza e provincia, su 35 nuovi positivi 18 sono stati individuati tramite contact tracing, 4 da tamponi in pronto soccorso, 7 per sintomi, 2 da tamponi in reparti ospedalieri, 1 screening in residenza Cra, 1 importato dall’ estero (Ucraina). Su 2, infine, si stanno svolgendo accertamenti sull’origine del contagio.

In provincia di Bologna sono 29 i nuovi casi: 20 sintomatici, di cui 10 considerati sporadici e 10 da focolai (familiari e per frequenza di luoghi pubblici); nessun caso risulta importato dall’estero mentre 3 risultano importati da regioni italiane (Marche e Lombardia). Dei 9 asintomatici, 8 sono sporadici e uno è stato inserito in focolai (amicali). 2 casi risultano importati dall'estero (Francia e Marocco) mentre un caso risulta importato da una regione italiana (Puglia).

Parma e provincia sono 28 i nuovi positivi: 8 sono stati rilevati nell'ambito di attività di contact tracing (di cui 2 sintomatici), 7 a seguito di attività di screening nelle scuole (unico focolaio in una scuola elementare), 6 sono stati rilevati con test di screening pre ricovero, 6 rilevati in quanto pazienti sintomatici, 1 rilevato in attività di screening su categorie professionali.

In provincia di Ferrara su 27 positivi, 17 sono stati individuati in quanto contatti di casi già noti, tutti asintomatici (riconducibili a focolai scolastici e famigliari), 3 sono rientri da viaggio all’estero (Romania), 2 tamponi eseguiti in pronto soccorso per sintomi, 3 ospiti di una residenza Cra, 1 sintomatico operatore sanitario azienda Ausl, 1 asintomatico con tampone pre sceening in azienda ospedaliera.

Forlì sono 20 i nuovi casi, di cui 14 sintomatici. 2 sono risultati positivi di rientro dall’estero (Ucraina) e 5 a seguito di tampone richiesto dal medico di famiglia per sintomi. 2 sono stati individuati a seguito di tampone eseguito in laboratorio privato per sintomi, 9 casi sono risultati positivi per focolai sviluppati fra amici. Infine, 2 sono risultati positivi per focolai lavorativi.

Rimini e provincia 16 nuovi casi, di cui 11 con sintomi, tutti in isolamento domiciliare. Nel dettaglio, 1 paziente sporadico per sintomi, 2 rientri dall’estero (Romania); 14 riconducibili a contatti con un caso certo di origine famigliare (di cui 1 con persona rientrata dall'Albania).

Sugli 11 nuovi positivi identificati a Ravenna e provincia: 4 sono asintomatici, 10 in isolamento domiciliare e 1 ricoverato. Nel dettaglio, degli 11 positivi 4 sono i pazienti sporadici con sintomi e 7 per contatto con caso certo di cui 5 in ambito familiare (di questi, 2 con persone residenti fuori regione) e 2 per focolai di amici.

Tamponi e test sierologici

I tamponi effettuati ieri sono 10.747, per un totale di 1.268.552. A questi si aggiungono anche 2.825 test sierologici.

Crescono i casi attivi, la situazione dei ricoverati

I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 5.609 (185 in più di quelli registrati ieri)

Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 5.369 (+190 rispetto a ieri), circa il 95% dei casi attivi.

Sono 14 i pazienti in terapia intensiva (+1 rispetto a ieri), scende invece il numero di quelli ricoverati negli altri reparti Covid: 226 (-6).

Le persone complessivamente guarite salgono a 26.812 (+90 rispetto a ieri): 7 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 26.805 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

L'analisi dell'assessore Donini in diretta Facebook

"Il nuovo picco epidemico ha toccato oggi anche il nostro territorio, ma - assicura l'assessore regionale alle Politiche sanitarie, Raffaele Donini in diretta Facebook - la curva dei contagi resta, ad oggi, gestibile". Nel fare il punto sui 276 nuovi casi di Coronavirus (126 dei quali non presentano alcuna sintomatologia) registrati oggi tra Rimini e Piacenza, infatti, Donini ha spiegato come lo sforzo in atto sulle attività di screening e di tracciamento, unito "all'adozione di comportamenti prudenti", siano le chiavi per tenere la situazione "sotto controllo".

Accanto ai 10mila tamponi e ai quasi 3mila test sierologici svolti ogni giorno, poi, "è importante rimarcare - ha ricordato l'assessore - che la quasi totalità dei positivi, allo stato attuale, è in quarantena presso il proprio domicilio o presso le strutture ricettive dedicate e che il sistema ospedaliero non versa in condizioni di stress".

Nonostante il balzo dei contagiati, in effetti, sono scesi a 226 (-6 rispetto a ieri) i ricoveri causa Covid, 14 dei quali necessitano della terapia intensiva. Il vero nodo degli ultimi tempi, invece, fatto salvo il fatto che la maggioranza delle trasmissioni di Covid si riscontra, ora, in ambito familiare. Quanto alla scuola, con Donini che ha segnalato come "in 340 istituti, università comprese, ci sia almeno un positivo, con 460 contagiati totali, 400 dei quali studenti".

Anche qui, come sopra, la differenza in senso positivo dovranno farla "le buone pratiche, tra distanziamenti e mascherine, la capacità quotidiana di test, il contact tracing e la tempestività del Ssr di trattare i pazienti anche a domicilio".

Una ricetta, questa, ormai consolidata e implementata dalle nuove misure restrittive, buona per contenere il Covid ma anche altre patologie. Come, in primo luogo, l'influenza stagionale, al centro del piano di profilassi regionale di profilassi pronto a partire il 12 ottobre, "con vaccinazioni gratuite per over 60, mestieri che implicano contatto col pubblico e casi di vulnerabilità legata ad altre patologie".

La Regione conta di distribuirne, in totale, 1,4 milioni (contro gli 850mila dello scorso anno), contando sulla giornata di test gratuiti in farmacia del prossimo 19 ottobre e puntando a promuovere, sul tema dell'antinfluenzale, "una cabina di regia nazionale che eviti lo spreco anche di una sola dose".

Focolaio in una casa di riposo nel Reggiano

Lunedì uno degli ospiti aveva qualche linea di febbre ed è stato quindi fatto un tampone. Martedì sono stati poi eseguiti i tamponi anche agli altri ospiti e al personale e il giorno dopo è iniziata la gestione dell’emergenza Coronavirus nella casa residenza anziani di via Zacconi a Rubiera, in provincia di Reggio Emilia, dove i positivi sono saliti a 15. Nella Cra, di proprietà del Comune e gestita dalla cooperativa Elleuno, sono ricoverate attualmente 33 persone. 

Coronavirus Italia, i dati e la tabella con tutti i numeri delle regioni

Continuano a crescere i contagi da coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore i positivi sono aumentati di 5.372 (ieri erano stati 4.458), con 28 morti. Lo si apprende dai dati del Ministero della Salute. I tamponi sono stati 129.471,  in aumento rispetto ai 128.098 mila di ieri.

Aumentano anche i decessi, che salgono a 28 (+6 rispetto a ieri).  Gli attualmente positivi sono 70.110 (+4.18).

Rispetto a ieri aumentano di 29 unità, da 358 a 387, le persone ricoverate in Italia in terapia intensiva. Aumentano anche i ricoveri ordinari: +161 nelle ultime ventiquattro ore, 4.086 in totale.

I guariti in più sono solo 1.186 per un totale di 237.549. In aumento di quasi 4 mila anche i positivi in isolamento domiciliare, che sono ora 65.637. 

(ha collaborato Lorenzo Pedrini)

Covid, le altre notizie di oggi

Il virus corre nel Sud delle Marche - Balzo dei contagi in Veneto - I focolai in Toscana - Boom di casi in Lombardia

Immuni, ecco cosa succede se l'App anti Covid lancia l'allarme

Immuni e i suoi fratelli in Europa. Top e flop delle app anti Covid

Il report dell'Iss: mortalità minima sotto i 50 anni. "Covid uccide i più deboli"

Il Coronavirus in serie A

Mascherina obbligatoria, regole ed eccezioni