Ancona, 11 gennaio 2020 - Il nuovo bollettino Covid delle Marche parla di 333 contagi su 1.151 tamponi nel percorso nuove diagnosi e di altri 12 morti, proprio oggi che la regione è tornata in fascia gialla. Regole meno rigide per i marchigiani dunque, rispetto al periodo natalizio, ma forse ancora per poco. Il nuovo Dpcm a cui hanno lavorato questa mattina Governo e Regioni, potrebbe infatti apportare modifiche dei parametri, che farebbero piombare le Marche in zona arancione o addirittura rossa. 

L'aggiornamento Contagi oggi, dati delle Marche del 12 gennaio

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati in tutto 1927 tamponi: 1151 nel percorso nuove diagnosi (di cui 445 nello screening con percorso Antigenico) e 776 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 28,9%). 

La mappa del contagio provincia per provincia

La distribuzione dei positivi nel percorso nuove diagnosi: 24 in provincia di Macerata, 74 in provincia di Ancona, 142 in provincia di Pesaro-Urbino, 73 in provincia di Fermo, 20 in provincia di Ascoli Piceno.

Come si diffonde il virus

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (39 casi rilevati), contatti in setting domestico (88 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (97 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (12 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (11 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (3 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (3 casi rilevati), screening percorso sanitario (4 casi rilevati). Per altri 76 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 445 test e sono stati riscontrati 34 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 7,6%.

Altri 12 morti

Altri 12 morti nelle Marche con Covid-19: nell'ultima giornata sono morti nove uomini e tre donne di età compresa tra i 78 e i 97 anni, tutti con altre patologie pregresse; il bilancio regionale della vittime sale a 1.723. Il Servizio Sanità della Regione comunica che cinque dei deceduti nell'ultima giornata provenivano dalla provincia di Pesaro Urbino: un 78enne e un 94enne di Vallefoglia, un 81enne e un 82enne di Fermignano e un 89enne di Fano. Tre vittime erano dell' Anconetano: un 86enne di Osimo, un 89enne di Senigallia e una 97enne di Ancona. Due morti anche del Maceratese: una 83enne di San Severino Marche, un 86enne di Matelica. Infine morti una 87enne di Ascoli Piceno e um 80enne di Porto San Giorgio (Fermo).

Aumentano i ricoveri

Continua a crescere il numero dei pazienti 'Covid-19' assistiti negli ospedali delle Marche: sono complessivamente 684, 17 in più nelle ultime 24 ore, dei quali 629 (+15) ricoverati nei reparti e 55 (+2) nei pronto soccorso. Nelle terapie intensive sono assistite 81 persone, 8 in più rispetto al giorno precedente: 29 (+4) a Pesaro, 18 (+1) a Torrette, 9 (+2) a Jesi, 12 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 5 (+1) a Fermo e 8 a San Benedetto del Tronto. Nelle aree di semi-intensiva sono assistite 164 persone, 4 più di ieri: 56 a Pesaro, 21 a Torrette, 19 (+3) al covid di Senigallia, 12 a Jesi, 2 a Macerata, 28 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 12 a Fermo, 10 a San Benedetto del Tronto e 4 (+1) ad Ascoli Piceno. E' quanto emerge dal secondo bollettino del Servizio sanitario regionale. Gli altri 384 pazienti sono ricoverati in reparti non intensivi. In tutta la regione ci sono 13.940 persone in isolamento domiciliare, 692 meno di ieri, mentre nelle strutture territoriali sono ospitati complessivamente 222 pazienti.

Nelle Marche, i casi positivi complessivamente diagnosticati nelle ultime 24 ore sono stati 333 e il totale è salito a 47.148 dall'inizio della crisi. Dopo 4 giorni consecutivi di crescita, è sceso il numero di coloro che sono in isolamento volontario nella propria abitazione, ora 14.264 (-1.002); tra questi, i soggetti sintomatici sono 4.510 (-282), con 651 (-25) operatori sanitari in quarantena. Dall'inizio dell'epidemia i marchigiani che hanno trascorso volontariamente in casa il periodo di isolamento sono diventati 157.533, i casi complessivamente diagnosticati 346.156 e i tamponi processati 578.570, numero che comprende anche i test effettuati sulla stessa persona e il percorso guariti.

Marchigiani in giallo: sospiro di sollievo

Si allentano da oggi le misure anti Covid nelle Marche, sono due sostanzialmente le differenze maggiori: la prima riguarda l’apertura di bar e ristoranti fino alle 18, la seconda gli spostamenti: si potrà uscire dal territorio comunale (ma non dal territorio regionale).

Zona gialla: cosa si può fare oggi (e cosa no) nelle Marche

Marche a rischio zona rossa

Ma la regione rischia di scivolare dal giallo al rosso, si teme soprattutto lo scatto automatico nella zona di rischio più alto, se l’incidenza settimanale dei nuovi contagi sarà di 250 ogni 100mila abitanti: numero che in qualche singolo giorno nelle Marche è stato già superato. Tutto dipende da come andranno le cose in questa settimana. E dalle regole che stabilirà in via definitiva il nuovo Dpcm.

Focolaio covid alla casa di riposo di Morro d'Alba: l'80% degli ospiti ha il virus

Operazione Marche sicure

Prosegue fino a mercoledì 13 gennaio nell’Area Vasta 1 la fase 2 dell’operazione di screening Marche Sicure. Sono coinvolte le città di Fano, Mondolfo, San Costanzo, Mombaroccio e Cartoceto. Sono stati individuati 4 punti di screening sul comprensorio e tutti i cittadini dei comuni interessati possono accedervi. 

Da oggi, lunedì 11 e fino a mercoledì 13 gennaio si completerà lo screening per gli abitanti dei comuni montani che rientrano nell'Area Vasta 4. I punti di effettuazione dello screening diffuso saranno allestiti, sempre in modalità drive, nell’area del campo sportivo di Amandola, località Pian di Contro, per gli abitanti di Amandola, Montefalcone Appennino, Montefortino, Montelparo, Santa Vittoria in Matenano e Smerillo. 

Sempre da oggi a mercoledì dalle 8:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 18:30 al PalaGuerrieri di Fabriano (viale Beniamino Gigli 13) potranno sottoporsi al tampone rinofaringeo rapido tutti i cittadini di Fabriano, Sassoferrato, Cerreto d'Esi, Genga, Serra San Quirico e Mergo. Clicca qui per tutte le informazioni.

Parte lo screening di massa all'interno dell'operazione "Marche Sicure" anche nell'ambito territoriale sociale di Senigallia: sono interessati nove comuni che avranno a disposizione due centri di riferimento dove sottoporsi al tampone antigenico rapido. Il primo presso il Palasport Regione Marche dell’Istituto Panzini di Senigallia (Via Capanna 62). Riservato ai residenti di Senigallia, Castelleone di Suasa, Corinaldo, Ostra, Ostra Vetere e Trecastelli, con il seguente orario: 8.30 -13.30 e 14.30 -18.30. Il secondo sarà disponibile a Serra De’ Conti, nel Centro sociale “L’Incontro” di Via Vanoni. Potranno recarvisi i residenti di Serra De’ Conti, Arcevia e Barbara, sempre con lo stesso orario: 8.30 -13.30/14.30 -18.30. 

Da domani (martedì 12 gennaio) e fino a domenica 17 gennaio potranno sottoporsi allo screening di massa gratuito anche gli abitanti di Civitanova Marche, Morrovalle, Montecosaro e Monte San Giusto. L’esame si svolgerà presso il Palarisorgimento di Via Ginocchi, a Civitanova Marche, dalle 8.00 alle 20.00.

Covid, le altre notizie dall'Italia e dal mondo

Il bollettino dell'Emilia Romagna: i dati Covid dell'11 gennaio

Scuole chiuse, Azzolina: "La Dad non può più funzionare"

Enrico Ruggeri: "Il rifiuto della morte ci impedisce di vivere"

11 gennaio zona arancione: cosa si può fare oggi

11 gennaio zona gialla: regole. Cosa si può fare oggi (e cosa no)