Ancona, 15 marzo 2021 - Sono 415 i nuovi contagi Covid rilevati nelle Marche nel primo bollettino di oggi, 15 marzo. Ricordiamo però che nel fine settimana si esegueono meno tamponi. Tuttavia anche ieri i casi erano già scesi a 616. Mentre, al contrario, aumentano ancora i ricoveri, per il dodicesimo giorno di fila.

L'aggiornamento Covid Marche, il bollettino coronavirus di oggi 16 marzo. Incidenza dei contagi dimezzata

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati complessivamente 2653 tamponi: 1251 nel percorso nuove diagnosi (di cui 153 nello screening con percorso Antigenico) e 1402 nel percorso guariti. Il rapporto tra positivi e testati è pari al 33,2%. Incidenza raddoppiata rispetto a ieri (17%).

Covid: oggi i colori delle regioni. La nuova mappa

La mappa del contagio nelle Marche

I nuovi positivi sono così distribuiti: 103 in provincia di Macerata, 219 in provincia di Ancona, 26 in provincia di Pesaro-Urbino, 32 in provincia di Fermo, 23 in provincia di Ascoli Piceno e 12 fuori regione.

Ascoli, primo giorno in zona rossa. Ma due set con Scamarcio e Marcorè

Come si contrae il virus

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (52 casi rilevati), contatti in setting domestico (87 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (141 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (4 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (1 caso rilevato), contatti in setting assistenziale (1 caso rilevato), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (5 casi rilevati). Per altri 124 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 153 test e sono stati riscontrati 18 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 12%.

AstraZeneca, le Marche bloccano un secondo lotto

Stop a un secondo lotto, ABV581, del vaccino AstraZeneca. La decisione della Regione è arrivata ieri sera dopo la verifica che un quantitativo di dosi, uguale al lotto fermato in Piemonte dopo la morte di un professore, era presente anche nelle Marche. Una scelta che arriva in via precauzionale in attesa di conoscere i risultati delle indagini in corso anche da parte della Procura di Torino.

Ricoveri in aumento da 12 giorni di fila

Nelle Marche per il dodicesimo giorno consecutivo aumenta il numero di ricoveri: nell'ultima giornata sono passati da 834 a 854 (+20). Lo riferisce il Servizio Sanità regionale nell'ultimo aggiornamento: un paziente in più in Terapia Intensiva (132, +1) e ben 20 in più nei reparti non intensivi (508) mentre i degenti in Semintensiva sono 214 (-1). Nelle ultime 24 ore sono 16 le persone dimesse mentre cresce ancora il numero delle persone assistite nei pronto soccorso (137, +17) e anche degli ospiti di strutture territoriali (241, +6). In sensibile calo invece sia i positivi in isolamento domiciliare (9.558, -518) sia le quarantene per 'contatto' (21.263, -633; 8.134 con sintomi, 370 sono operatori sanitari). I guariti/dimessi sono ora 65.726 (+872). 

I decessi di oggi 15 marzo

Ancora pesante il bilancio di vittime con Covid-19 nelle Marche: nell'ultima giornata 15 decessi - 9 donne e 6 uomini, tra i 58 i 96 anni, con patologie pregresse - che portano il numero totale di vittime a 2.437. L'aggiornamento del Servizio sanità della Regione dà conto di otto vittime della provincia di Ancona: un 58enne di Fabriano, un 71enne di Castelfidardo, un 78enne, un 82enne, una 83enne e una 95enne di Ancona, una 73enne di Cupramontana, un 81enne di Falconara Marittima. Tra i deceduti del Maceratese: un 82enne di Esanatoglia, una 89enne di Civitanova Marche e una 96enne di Tolentino. In provincia di Pesaro Urbino morte tre donne di Fano di 83, 87 e 92 anni. Infine deceduta una 78enne di Grottammare ( Ascoli Piceno). 

Coronavirus: le news di oggi

Autocertificazione marzo 2021 in zona rossa: quando serve e come si compila

Astrazeneca, lotto sospeso in Piemonte e Marche. Ma l'Aifa garantisce: vaccino sicuro

"I vaccini ci salvano ma ora più trasparenza". Altolà del farmacologo: basta allarmismi