Coronavirus Veneto: il bollettino di Zaia oggi 22 febbraio
Coronavirus Veneto: il bollettino di Zaia oggi 22 febbraio

Venezia, 22 Febbraio 2021 - Scendono i nuovi positivi al Covid-19 in Veneto, oggi sono +509 mentre ieri erano +718 (totale 327.016). Salgono gli attualmente positivi, oggi sono 22.284 (+199). Calano i nuovi decessi: oggi sono +9 mentre ieri erano +11 (totale 9.721). Aumentano i guariti, che salgono a quota 295.011 (+301).

Nuovi colori regioni: i parametri di Emilia-Romagna, Marche e Veneto - Bollettino Italia ed Emilia Romagna: dati del 22 febbraio

Crescono i ricoveri causati dal coronavirus in Veneto, oggi sono 1345 (+1). 1209 persone sono in area non critica (dato stabile), di cui 772 positive (+8) e 437 negativizzate (-8). Sono 136 i pazienti ricoverati in terapia intensiva (+1), di cui 103 positivi (+1) e 33 negativizzati (dato stabile).

Zaia: "Venti ricoveri in media al giorno"

“Noi - afferma il Governatore Zaia - ricoveriamo in media venti persone al giorno. Il 10 per cento finisce in terapia intensiva: abbassare la guardia significa non capire cosa stia accadendo. Gli scenari del contagio possono cambiare molto velocemente: dobbiamo essere prudenti”.

“Ieri sera - racconta il Presidente della Regione - abbiamo avuto la riunione con il Governo, con il nuovo ministro Gelmini e tutti i presidenti, l'argomento sono state le norme Covid. Abbiamo parlato anche di quello che dovrà essere il nuovo Dpcm del prossimo 5 marzo. Ho chiesto che il Cts venga rivisto e rafforzato e che diventi autorevole al punto da avere un portavoce, per evitare dichiarazioni e controdichiarazioni e quella confusione che si è vista fino ad oggi. Credo sia doveroso rivedere i parametri: noi ci riferiamo all'Rt, ad esempio, ma lo valutiamo vecchio di due settimane. Il vero tema sono terapie intensive e ricoveri in area non critica. Ci incontreremo più frequentemente con il Governo: ci siamo impegnati a costruire insieme questo Dpcm e spero che sia l'ultimo e poi si esca dalla pandemia”.

I primi effetti dei vaccini

“Le vaccinazioni - rende noto il Presidente Zaia - stanno dando i primi effetti, sia sulle Rsa che sui focolai ospedalieri. Siamo tutti d'accordo che i vaccini sono la via d'uscita. Io spero che Draghi ci possa dare una mano per rimpinguare le scorte di vaccini. Tutta la squadra veneta, se avessimo vaccini a sufficienza, potrebbe fare 50mila somministrazioni al giorno, mentre oggi ne facciamo 20mila. Superata questa prima fase di difficoltà dovremmo avere più vaccini, speriamo arrivino velocemente. Di certo una Regione e un Paese Covid Free possono andare sul mercato con una forza maggiore”.

Quasi 290 mila dosi somministrate in Veneto

Il totale di dosi di vaccino anti Covid somministrate in Veneto è di 285.000 che si traducono in 108.000 persone che hanno completato il ciclo di vaccinazione prevista. A comunicarlo è stato Michele Mongillo, responsabile dell'Unità organizzativa di prevenzione e sanità pubblica della Regione Veneto.

Un anno dopo Vo' Euganeo oltre 300 mila casi in Veneto

Un anno dopo i primi due casi di Covid a Vo' Euganeo (ed il primo decesso), in Veneto sono più di 300mila i positivi in regione, per la precisione  327.016 le persone che in un anno, da quel famoso 21 febbraio 2020, sono risultate positive. Lo ha sottolineato oggi il presidente della Regione, Luca Zaia nel corso del punto stampa, spiegando che questo è il risultato degli oltre 7 milioni di tamponi, tra molecolari e antigenici, effettuati da quella data. Oggi i positivi sono 509 su un totale di 10.314 tamponi, pari al 4,93%, mentre i decessi nelle ultime 24 ore sono stati 9 per un totale di 9721 dall'inizio dell'epidemia.