Bologna, 13 febbraio 2021 - Un lieve calo del tasso dei positivi al coronavirus, praticamente stabili i ricoveri covid negli ospedali - che restano comunque sotto al livello di guardia - e, da un lato, il netto aumento di guariti e, dall'altro, il calo dei casi attivi. Sono queste le buone notizie a cui si aggrappa Emilia Romagna, che ieri è stata confermata in zona gialla, attraverso la consueta ordinanza settimanale che sancisce il nuovo colore delle regioni, mentre sta per entrare nel vivo la campagna di vaccinazione per gli over 85.

Vaccini: la corsa delle Regioni all'acquisto - Vaccino over 80 in Emilia Romagna: al via le prenotazioni - Covid: in Emilia Romagna già 10mila vittime

image

Resta preoccupante a situazione di province come Bologna (oltre 300 contagi) e Modena (oltre 200), dove l'indice Rt è stabilmente superiore all'1. L'età media dei nuovi malati sale levemente a 42,6 anni. Le terapie intensive restano praticamente stabili con -4 malati gravissimi così come gli altri reparti, dove ci sono tre pazienti covid in meno.  

Il bollettino coronavirus dell'Emilia Romagna di oggi

Sono 1.488 i nuovi contagi da covid (di cui 558 sono asintomatici) registrati su 29mila tamponi: il rapporto di positività è del 5,1%. Sono 36 le vittime, ieri serano state 27. Ci sono 1.428 casi attivi in meno che a oggi sono 38.578. Altri 2.880 persone possono andare ad ingrossare le fila dei guariti. 

Le vittime

Purtroppo, si registrano 36 nuovi decessi: 18 a Bologna (8 donne di 76, 81, 85, 87 anni, due di 89 e una di 94 e una 98 anni e 10 uomini: di 55, 67, 68, 75, 79, 81, 82, 87 e 88 anni), 4 a Modena (3 donne di 76, 89 e 90 anni e 1 uomo di 85 anni), 4 a Rimini (1 donna di 79 anni e 3 uomini di 57, 74 e 89 anni), 4 a Piacenza (1 donna di 95 anni e 3 uomini di 66, 72 e 89 anni), 3 a Reggio Emilia (1 donna di 83 anni e 2 uomini di 82 e 88 anni), 2 in provincia di Forlì-Cesena (1 uomo di 85 anni e 1 donna di 81 anni), 1 a Parma (1 donna di 70 anni). Non si registrano decessi nelle province di Ferrara e Ravenna.

I ricoveri

La situazione degli ospedali emiliano romagnoli è per adesso abbastanza buona: il 31% dei letti dei reaprti non critici è occupato da malati covid (con un soglia di allerta a 40). Il che significa che sono attualmente 1.889 i malati ricoverati (+3 rispetto a ieri).

Nelle terapie intensive, la percentuale dei letti occupati da mati covid è del 23%, contro una media nazionale del 24%. In termini assoluti, sono 171 (-4 rispetto a ieri) i malati in questi reparti critici: 12 a Piacenza (uguale rispetto a ieri), 10 a Parma (-1), 17 a Reggio Emilia (-1 rispetto a ieri), 34 a Modena (-2), 47 a Bologna (+1), 10 a Imola (-2), 18 a Ferrara (invariato), 3 a Ravenna (invariato), 2 a Forlì (invariato), 3 a Cesena (invariato) e 15 a Rimini (+1).

Sintomatici e asintomatici per provincia

Ecco come sono distribuiti i 1.488 nuovi casi: 71 a Piacenza (di cui 32 sintomatici), 143 a Parma (di cui 99 sintomatici), 100 a Reggio Emilia (di cui 62 sintomatici), 236 a Modena (di cui 146 sintomatici), 364 a Bologna (di cui 234 sintomatici), 104 casi a Imola (di cui 65 sintomatici), 55 a Ferrara (di cui 9 sintomatici), 120 a Ravenna (di cui  79 sintomatici), 62 a Forlì (di cui 44 sintomatici), 86 a Cesena (di cui 71 sintomatici) e 147 a Rimini (di cui 89 sintomatici).

Scattano le dosi per gli over 80

Prosegue la campagna di vaccinazione regionale: alle 15 sono state somministrate complessivamente 283.871 dosi, di cui 2.371 oggi; sul totale, 125.842 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Ma sta anche per scattare il via alle vaccinazioni per gli over 80. Da lunedì 15 febbraio i cittadini emiliano-romagnoli di 85 anni e oltre (dunque, i nati nel 1936 o negli anni precedenti) potranno prenotare il vaccino antiCovid, con le prime vaccinazioni che saranno effettuate gia' il giorno successivo, martedi' 16. Dal primo marzo sara' la volta dei nati tra il 1937 e il 1941, quindi di coloro che hanno dagli 80 agli 84 anni. 

Covid Italia: i dati in diretta

Ieri, venerdì 12 febbraio, sono stati 13.908 i test positivi al coronavirus in Italia su 305.619 i test (tamponi molecolari e antigenici rapidi) effettuati. Il tasso di positività è stato del 4,5%. Mente le vittime erano scese da 391 a 316. Le persone ricoverate in terapia intensiva erano 2.095, in calo di 31 unità rispetto a giovedì. I ricoveri in rianimazione sono stati 153. I ricoverati con sintomi invece 18.736 (-206 rispetto a giovedì).

image

Diecimila morti da marzo

Purtroppo, però, l'Emilia Romagna deve confrontarsi con un dato tragico che riguarda l'epidemia: si tratta dei diecimila morti da marzo 2020 fino ad oggi. Per la precisione 10.049. Una tragedia immensa, se si pensa che comunque ci sono persone che ancora lottano contro la malattia e che rischiando la vita. Poi ci sono quelli che non hanno più il Covid ma a cui il virus ha lasciato strascichi importanti a livello di salute

image

Caccia ai vaccini per le Regioni

Sono quattro milioni le dosi di vaccino Covid che l'Emilia Romagna è pronta a comprare assieme al Veneto per poter far fronte alla propria campagna di vaccinazione nei tempi previsti. Infatti, oramai l'incertezza dilaga sulle dosi che arrivano settimanalmente dalle aziende farmaceutiche, quindi le Regioni si stanno organizzando per loro conto. E' partita quindi da giorni la caccia ai vaccini covid.

Coronavirus Italia e mondo

Nuovi colori regioni: arancione per Abruzzo, Liguria, Toscana e Trento. Rt nazionale a 0,9

Mappa dell'Italia: ecco le nuove micro zone rosse

Mobilità tra regioni, stop prosegue: divieto valido fino al 25 febbraio. Quando si può sconfinare

Rezza lancia l'allarme varianti: accelerare campagna vaccinale