Bologna, 22 novembre 2020 - Non vengono buone le notizie, nemmeno considerando che oggi è domenica, dai dati sul coronavirus dell'Emilia Romagna di oggi. Perché, se calano, rispetto a ieri i nuovi contagi in Emilia Romagna(oggi sono stati 2.665 contro i 2.723 di ieri), sono anche nettamente meno i tamponi eleborati nelle utlime ore. Tanto che l'incidenza delle persone risultate positive rispetto al numero dei tamponi processati passa dal 13,8% di ieri al 20,3% di oggi. Dei 2.665 nuovi casi, 1.311 sono asintomatici e l'età media è di 54,4 anni. ù

Cala la triste conta delle vittime: ieri erano state 47, oggi sono 38: un numero comunque ancora altissimo, anche perché 16 sono concentrate nella provincia di Modena. In crescita entrambi i valori dei ricoveri in ospedale: 8 nuovi pazienti hanno avuto bisogno del sostegno delle terapie intensive per mantenere le funzioni vitali, 72 invece sono stati ricoverati nei reparti covid delle regione. I casi attivi sono 67.274 (2.194 in più di ieri), il 96% non ha per fortuna avuto bisogno di supporto medico in ospedale e viene curato in casa. I guariti nelle ultime ore sono 433.

Coronavirus Italia: i contagi di oggi. Bollettino e dati Covid in diretta

La Regione e tutti i gli emiliano-romagnoli attendono invece con grande speranza un andamento positivo per spingere sulla possibilità di un nuovo cambiare status verso il ritorno a zona gialla. Ma - come detto dall'assessore Donini - servono indicatori in discesa. Oggi, la provincia più colpita è Bologna con 562 nuovi casi, segue Modena, che per molto tempo ha invece guidato la classifica, con 471, Reggio Emilia con 353, poi Rimini (340). Le altre province sono sotto ai trecento contagi (sotto la tabella completa).

I dati coronavirus in Italia di oggi

Sono 28.337 i nuovi casi di coronavirus individuati in Italia nelle ultime 24ore, oltre 6mila meno di ieri, che portano il totale dei contagiati dall'inizio dell'emergenza a 1.408.868. Ma sono molti meno anche i tamponi analizzati: quasi 50mila in meno rispetto a ieri: 188.747. In calo anche l'incremento delle vittime, 562 in un giorno mentre ieri erano state 692, per un totale di 49.823. Le persone guarite dal covid nelle ultime 24 ore sono 13.574. Attualmente i positivi in Italia sono 805.947, dei quali 767.867 in isolamento domiciliare. I ricoverati in ospedale con sintomi sono 34.279 (+216 rispetto a ieri), di questi 3.801 in terapia intensiva (+43). La regione con il maggior numero di nuovi casi è la Lombardia con 5.094, seguita da Campania (3.217), Veneto (2.956), Emilia-Romagna (2.665), Piemonte (2.641) e Lazio (2.533). La tabella:

Contact tracing covid in Emilia Romagna

Tornando ai dati emiliano romagnoli, dei 1.311 asintomatici di oggi, 508 sono stati scoperti al contact tracing, 114 grazie ai test per le categorie a rischio, 26 con gli screening sierologici, 7 tramite i test pre-ricovero. Per 656 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

I morti

Quasi la metà delle 38 vittime di oggi sono state registrate nella provincia di Modena (sono 16: 12 uomini di 73, 74, 80, 85, 86, 87, 91, 95 e 96 anni e 4 donne di 84, 91, 93 e 100 anni) 5 in quella di Bologna, tutti nell’imolese (5 uomini di 45, 77, 78, 85 e 92 anni), 4 in quella di Reggio Emilia (4 uomini di 72, 79, 85 e 86 anni), 4 in quella di Ravenna (due uomini di 82 e 91 anni e due donne di 71 e 76 anni), 4 in quella di Ferrara (due uomini di 76 e 88 anni e due donne di 80 e 82 anni), 2 in quella di Piacenza (due donne di 60 e 91 anni),  2 a Parma (2 uomini di 81 e 83 anni), un decesso a Rimini (un uomo di 77 anni), nessun decesso in provincia di Forlì-Cesena Dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus, in Emilia-Romagna i decessi sono complessivamente 5.350.

I ricoveri in ospedale

Come detto, i pazienti nei reparti Covid sono cresciuti di +72 pazienti (e sono ora 2.666). Nelle varie terapie intensive sono 249 (+ 8 rispetto a ieri), così suddivisi: 14 a Piacenza (-1 rispetto a ieri), 14 a Parma (+1 rispetto a ieri), 29 a Reggio Emilia (+1), 64 a Modena (invariato), 60 a Bologna (+1), 4 a Imola (invariato), 20 a Ferrara (+3),12 a Ravenna (+1), 6 a Forlì (invariato), 1 a Cesena (invariato) e 25 a Rimini (+2).

Sintomatici e asintomatici per provincia

Ecco come sono suddivisi i 2.665 nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore in regione: 183 a Piacenza (di cui 31 sintomatici), 129 a Parma (di cui 71 sintomatici), 353 a Reggio Emilia (di cui 293 sintomatici), 471 a Modena (205 sintomatici), 562 a Bologna (di cui 304 sintomatici), 107 casi a Imola (di cui 48 sintomatici), 112 a Ferrara (di cui 11 sintomatici), 214 a Ravenna (di cui 78 sintomatici), 102 a Forlì (di cui 76 sintomatici), 92 a Cesena (di cui 69 sintomatici) e 340 a Rimini (+340, di cui 168 sintomatici).

Coronavirus, sei italiani su dieci per la riapertura natalizia. Ma prevale il pessimismo - Natale tra congiunti e divieti, salva la Messa - Scuole superiori: prove tecniche di riapertura - Natale 2020 col Covid, Zampa: "Cenone in pochi, forse possibili spostamenti"

Covid, Viale: "Il virus può fare male a tutti"

Anche se i numeri sono in calo, bisogna continuare a tenere altissima la guardia. Come ci ricorda il primario infettivologo a Bologna Pierluigi Viale. "Rispetto a marzo e aprile - afferma Viale - , dove i casi impegnativi erano 99 volte su 100 rappresentati da anziani, ora putroppo ci sono anche tanti 40enni o 50enni. Prima erano mosche bianche, ora no. Dobbiamo essere seri: di questo virus abbiamo ancora capito poco".

Covid: i veri numeri in Emilia Romagna

Ecco i dati reali delle persone che hanno contratto il coronavirus in Emilia Romagna. C'è chi purtroppo non ce l’ha fatta, chi è stato ricoverato in ospedale, chi ha dovuto lottare in terapia intensiva, magari intubato. Per la prima volta ecco svelate le statistiche per fasce d’età. Ognuno di questi numeri ha una storia, un volto, una battaglia, una sofferenza, una vittoria, una sconfitta.

 Zone Italia covid: i colori delle regioni Emilia-Romagna e Marche verso il giallo - Scuole superiori: prove tecniche di riapertura - Francia, superato il picco della seconda ondata

Il flash mob davanti all'ospedale Maggiore (Schicchi)

"Il vaccino sarà sicuro"

Il vaccino sarà efficace e sicuro. Lo afferma con certezza Nicola Magrini, direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), dopo i deubbi (e il conseguente putiferio) espressi dal professor Crisanti. In Italia si sta per avviare "una campagna di vaccinazione anti Covid senza precedenti", come annuncia il ministro Roberto Speranza. Le primissime dosi sono attese per la fine di gennaio e saranno somministrate alle categorie più esposte: professioni sanitarie, soggetti fragili, anziani con patologie, ospiti e operatori delle Rsa.

Vaccino Covid, Emilia Romagna: "Test a dicembre"

Anche l'Emilia Romagna è in prima linea sul fronte del vaccino anti-Covid. La Regione schiera l'artiglieria pesante: il Policlinico Sant'Orsola di Bologna e l'azienda ospedaliera-universitaria di Modena. “Due centri di eccellenza”, come li definisce il presidente Stefano Bonaccini nel post in cui dà la notizia della partecipazione alla “sperimentazione del vaccino Oxford-AstraZeneca, una delle ricerche più avanzate contro il Coronavirus. I test inizieranno a dicembre”.

Coronavirus, gli altri aggiornamenti

L'Aifa: "Ecco perché il vaccino anti Covid è sicuro"

Natale 2020 col Covid, Zampa: "Cenone in pochi"

Anziani e giovani: i veri numeri del Covid-19

Covid: Emilia Romagna verso il giallo. Ecco perché

"La sua quarantena è finita". Ma lui è morto

"Ecco il decalogo per curare il virus a domicilio"