Bollettino Covid: i contagi di oggi, 24 novembre, nelle Marche
Bollettino Covid: i contagi di oggi, 24 novembre, nelle Marche

Ancona, 24 novembre 2020 - Torna a salire la percentuale di positivi da coronavirus nelle Marche, dopo la decrescita di ieri. L'incidenza tra i nuovi casi e i tamponi analizzati è oggi al 28,8%, mentre ieri si attestava al 25,4%. La Regione ha infatti comunicato nel consueto bollettino Covid i dati dei nuovi positivi e dei test effettuati. Su 1.220 tamponi sono risultate positive 351 persone. Sono 10 le vittime nelle ultime 24 ore.

AGGIORNAMENTO Coronavirus Marche: bollettino del 25 novembre. Positivo il 26% dei test

"Coronavirus, senza sport ci si ammala" - Speranza: "Indice Rt sotto 1 apre fase diversa, ma prudenza"

Coronavirus: la mappa dei contagi

I 351 casi sono così distribuiti sul territorio regionale: 92 in provincia di Macerata, 87 in provincia di Ancona, 83 in provincia di Pesaro-Urbino, 13 in provincia di Fermo, 53 in provincia di Ascoli Piceno e 23 da fuori regione. 

Il totale è salito a 27.106 dall'inizio della crisi: 5.455 (+83) risiedono in provincia di Pesaro e Urbino, 8.096 (+87) in quella di Ancona, 5.949 (+) in quella di Macerata, 3.228 (+13) nel Fermano e 3.537 (+53) nel Piceno; inoltre, sono 841 (+23) le persone positive non sono residenti nella regione. E' cresciuto il numero di coloro che sono in isolamento volontario nella propria abitazione, ora a 18.338 (+17); sono tornati a crescere i soggetti sintomatici, che ora sono 3.670 (+111), con 638 (+16) operatori sanitari in quarantena. Dall'inizio dell'epidemia i marchigiani che hanno trascorso volontariamente in casa il periodo di isolamento sono diventati 111.486, i casi complessivamente diagnosticati 229.538 e i tamponi processati 394.593, numero che comprende anche i test effettuati sulla stessa persona e il percorso guariti.

Covid: l'origine del contagio

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (46 casi rilevati), contatti in setting domestico (88 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (93 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (12 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (7 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (6 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (11 casi rilevati), screening percorso sanitario (7 casi rilevati) e 1 rientro dall'estero. Per altri 80 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

Altri 10 morti

Nelle ultime 24 ore ci sono stati 10 decessi, che riguardano sei uomini e quattro donne. Otto di essi avevano patologie pregresse. Il più giovane è un uomo di 60 anni di Ascoli Piceno. L'età media delle vittime odierne è di 83 anni.

I decessi sono così distribuiti a livello provinciale: due nel Pesarese, due ad Ancona, tre a Macerata, uno a Fermo e due nel Piceno. Il totale dei morti dall'inizio dell'epidemia sale a 1.211: 551 nel Pesarese, 270 nell'Anconetano, 207 nel Maceratese, 90 nel Fermano e 83 nel Piceno; 10 da fuori regione.

Ricoveri stabili

Nelle Marche è sostanzialmente stabile la situazione dei ricoveri dei pazienti 'Covid-19': nelle ultime 24 ore sono diventati 699, 4 in meno rispetto a ieri, dei quali 644 sono ricoverati nei reparti (+4) e 55 (-8) nei pronto soccorso. Sono 89 coloro che sono assistiti nelle terapie intensive, 1 meno di ieri: 17 a Pesaro, 19 a Torrette, 11 a Jesi, 21 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 7 a Fermo, 12 a San Benedetto del Tronto e 2 (-1) ad Ascoli Piceno. Nelle aree di semi-intensiva sono assistite 137 persone, 3 meno di ieri: 44 (-1) a Pesaro, 18 (-2) a Torrette, 7 a Senigallia, 9 (-1) a Jesi, 8 a Macerata, 28 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 12 a Fermo, 7 (-1) a San Benedetto del Tronto e 4 (+2) ad Ascoli Piceno. I decessi nelle sono finora 1.201. E' quanto emerge dal secondo bollettino del Servizio sanitario regionale.

Gli altri 418 pazienti sono ricoverati in reparti non intensivi: 33 (-4) al covid e 2 (-1) alla psichiatria di Pesaro, 40 a malattie infettive, 24 al Cov4, 2 in ginecologia e 1 bambino in pediatria di Torrette, 47 (+1) all'Inrca di Ancona, 6 all'Inrca di Fermo, 8 (+2) malattie infettive di Fabriano, 46 (-5) al covid di Jesi, 24 (+1) al covid di Senigallia, 43 a malattie infettive a Macerata, 14 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 5 a Camerino, 42 (+2) a malattie infettive di Fermo, 43 al covid di San Benedetto del Tronto, 22 (-1) a malattie infettive di Ascoli Piceno e 16 (+2) presso la casa di cura Villa Serena. In tutta la regione ci sono 15.073 persone in isolamento domiciliare, 251 più di ieri, mentre nelle strutture territoriali ci sono complessivamente 202 pazienti: 44 a Campofilone (Fermo), 31 (+2) a Chiaravalle (Ancona), 55 a Galantara (Pesaro-Urbino), 35 alla Rsa e 11 alla riabilitazione di Macerata Feltria, 26 a Fossombrone. Rispetto a ieri, sono stati dimessi-guariti in 83 e il totale è salito a 10.188.

image

Terapie intensive Covid: dati e grafici delle Marche

Nelle Marche la percentuale delle terapie intensive da Covid, da novembre, rimane stabile attorno al 45%, quindi nettamente sopra la media nazionale del 42% circa. Anche in questo caso la corsa è partita a inizio novembre: martedì 3 la regione Marche aveva il 37% di posti letto nei reparti critici occupati da malati covid, ha raggiunto il 41% l'8 novembre, per poi non scendere più sotto il 45%. Il 22 novembre era al 46%, con 98 ricoverati.

Covid Marche: 4 morti su 10 nelle case di riposo

Un vera e propria 'strage' nelle case di riposo. La definiscono così le associazioni dei familiari che hanno perso i loro cari a causa del Covid all'interno delle strutture per anziani. Nelle Marche infatti oltre 374 decessi Covid dalla prima ondata si sono registrati nelle case di riposo e residenze sociosanitarie.

Coronavirus news

Dati dell'Emilia Romagna del 24 novembre

Vaccini anti-Covid, l'Italia in ritardo: manca il piano

Covid: in Emilia Romagna numeri alti, ma meno vittime

Terapia intensiva covid in Emilia Romagna e Marche: dati e grafici

Lo spot choc delle Canarie rivolto ai giovani

Come riapriranno bar e ristoranti. Natale, Cts frena su spostamenti. Coprifuoco e negozi: cosa cambia