Ancona, 28 gennaio 2021 - Sebbene calino i contagi, aumenta il rapporto tra nuovi positivi e test nelle Marche: dal 14,1% di ieri al 15,1% di oggi. Calano anche i ricoveri e i morti, anche se restano numeri alti. Le vittime oggi sono 13. Sono questi i dati che balzano agli occhi del bollettino Covid di oggi, 28 gennaio, che registra 429 casi (ieri 466), di cui appena 53 con i sintomi.

AGGIORNAMENTO Contagi Covid del 29 gennaio nelle Marche

Il Servizio Sanità della Regione Marche rende noto che nelle ultime 24 ore sono stati processati 4.886 tamponi: 2.832 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1.044 nello screening con percorso Antigenico) e 2.054 nel percorso guariti. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 1.044 test e sono stati riscontrati 59 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi-testati è pari al 6%.

La mappa del virus

I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 429: 108 in provincia di Macerata, 121 ad Ancona, 86 a Pesaro e Urbino, 59 a Fermo, 37 ad Ascoli Piceno e 18 fuori regione.

Il totale dei contagi dall'inizio dell'epidemia sale a quota 54.289 in regione.

Come nascono i contagi

Dei 429 nuovi contagi, 96 nascono in casa, 23 sul lavoro, 11 in ambienti di socialità, 4 in contesto assistenziale, 119 da contatti stretti con persone positive, 13 riguardano studenti, 5 sono stati rilevati con lo screening del percorso sanitario. Per altri 105 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

Lieve calo nei ricoveri

In lieve calo (-5) i ricoveri per Covid-19 nelle Marche che passano nell'ultima giornata da 626 a 621. Lo comunica il Servizio Salute della Regione. In calo i degenti in Terapia intensiva (70, -2) e nei reparti non intensivi (401, -5) mentre risultano in aumento nel reparto di Semintensiva (150, +2). Importante il numero di dimessi che nelle ultime 24ore sono 40. Intanto però aumentano i positivi in isolamento domiciliare (8.406, +46) e in maniera più sensibile i guariti (43.336, +371). In crescita anche il numero delle persone in quarantena per contatto con contagiati (15.391, +54; 4.431 con sintomi, 694 operatori sanitari).

Oggi altri 13 decessi

Altre 13 vittime registrate nelle Marche nelle ultime 24 ore, tutte con patologie pregresse. Sono 56 in quattro giorni. Il servizio Salute della Regione comunica che cinque persone sono decedute all'ospedale di Pesaro Marche Nord (tre donne di 91, 83 e 86 anni rispettivamente di San Lorenzo in Campo, Mercatello sul Metauro e Pesaro e due uomini di 70 e 76 anni rispettivamente di Sassocorvaro-Auditore e Fano), due nella Rsa Galantara di Pesaro (un 85enne pesarese ed una 94enne di Terre Roveresche), due all'ospedale di Senigallia (un 75enne
senigalliese e una 81enne di Cupramontana), una a Camerino (una 81enne di Esanatoglia), una a Macerata (una 92enne di Tolentino), una a San Benedetto del Tronto (un 71enne di Ascoli Piceno) ed una al Torrette di Ancona (un 79enne anconetano).

Da inizio emergenza salgono a 1.939 le vittime del Covid nelle Marche: 1.094 uomini e 845 donne con un'eta' media di 82 anni che, nel 96,1% dei casi, presentavano patologie pregresse. Il
territorio piu' 'ferito' e' la provincia di Pesaro Urbino con 803 persone decedute, seguito da Ancona (465), Macerata (328), Fermo (173) ed Ascoli Piceno (153). Sono 17 le vittime provenienti da
fuori regione..

Screening di massa

Continua lo screening di massa nell'Area Vasta 3: oggi, domani e sabato potranno sottoporsi al tampone gratuito i residenti, domiciliati o soggiornanti per motivi di lavoro o studio nei comuni di Tolentino, Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotonfo di Fiastrone, Cessapalombo, Colmurano, Pollenza, Ripe San Ginesio, San Ginesio, Serrapetrona, Treia e Loco Piceno. Il test sarà effettuato al Palasport Chierici in viale della Repubblica di Tolentino. 

Inoltre tutti gli studenti, insegnanti e personale scolastico Ata possono recarsi nei punti già operativi per effettuare il tampone rapido prima e durante il ritorno in classe alle scuole superiori. 

Dall'inizio dell'operazione "Marche Sicure" sono state testate oltre 227 mila persone e ciò ha permesso di individuare 1.198 nuovi positivi, che sono stati successivamente sottoposti al tampone molecolare. La percentuale di positività è quindi pari allo 0,5%.

Acquaroli rivendica la gestione dell'emergenza sanitaria: "Orgoglioso del lavoro compiuto"

Primi 100 giorni da governatore per Francesco Acquaroli, tre mesi abbondanti tutt'altro che facili. “Non sono stati certamente 100 giorni ordinari – ha detto ieri in conferenza stampa - con un Dpcm sull’emergenza sanitaria appena due giorni dopo il nostro insediamento e un conseguente impatto rilevante sull’azione politica che ci ha precluso l’interlocuzione coi territori e la partecipazione attiva, anche se molto abbiamo supplito con numerosissime riunioni in videoconferenza”.

“La gestione dell’emergenza è la priorità – ha proseguito - e voglio sottolineare gli aspetti che ci inorgogliscono del lavoro già compiuto: l’essere passati in poco tempo ad un aumento dei tamponi da 1.500 agli oltre 5.000 di questi giorni e lo screening di massa a cui si sono sottoposti già 220mila marchigiani, attivo ancora per diversi giorni e esteso anche a studenti e personale scolastico. Tutti strumenti importantissimi che ci permettono di tracciare e quindi isolare e contenere il contagio”. “Dal 15 novembre – ha ribadito il presidente – siamo sotto l’1 nell’indice Rt e questo grazie al fatto che avendo più diagnosi possiamo non far circolare il contagio".

Covid, le altre notizie di oggi

Il bollettino Covid dell'Emilia Romagna: dati 28 gennaio

Zona gialla: Rt e altri parametri per il cambio di colore

Burocrazia infinita e contratti sbagliati. Vaccini, la campagna Ue è un fiasco

Roberto Burioni e il vaccino cubano: polemica di fuoco tra Twitter e Facebook

Marche zona gialla il 31 gennaio? "Con questi criteri saremo promossi"

Contagiati dopo il primo vaccino

"Ecco quando si deve intubare"