Vaccinazione contro il Covid-19
Vaccinazione contro il Covid-19

Ancona, 18 febbraio 2021 - Sono 532 i nuovi contagi Covid nelle Marche, secondo il bollettino di oggi, 18 febbraio. Mentre i ricoveri sono in calo per il secondo giorno di fila. Le vittime sono invece 17. E se la regione si avvicina sempre di più alla zona arancione, per Ancona sono in vista nuove restrizioni. Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati complessivamente 7399 tamponi: 4994 nel percorso nuove diagnosi (di cui 2665 nello screening con percorso Antigenico) e 2405 nel percorso guariti. Il rapporto tra positivi e testati è pari al 10,7%. Ieri era salita a quota 13,5%

AGGIORNAMENTO Marche zona arancione? Oggi 19 febbraio il verdetto - Bollettino Marche 19 febbraio: ancora boom di contagi ad Ancona

Colori regioni: chi rischia la zona arancione - Le Marche rischiano l'arancione: Ancona chiusa non basta - Covid: il bollettino di oggi in Italia ed Emilia Romagna

La mappa dei contagi provincia per provincia

I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 532 così distribuiti: 109 in provincia di Macerata, 264 in provincia di Ancona, 82 in provincia di Pesaro-Urbino, 37 in provincia di Fermo, 11 in provincia di Ascoli Piceno e 29 fuori regione.​

Come ci si ammala

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (63 casi rilevati), contatti in setting domestico (98 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (196 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (26 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (4 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (6 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (39 casi rilevati), screening percorso sanitario (3 casi rilevati). Per altri 97 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 2665 test e sono stati riscontrati 108 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 4%.

Le vittime

Sono 17 i morti da Covid nelle ultime 24 ore nelle Marche. si tratta di 8 donne e 9 uomini di età compresa tra i 92 e i 75 anni. Nove sono della provincia di Ancona, 2 di quella di Macerata, 3 di Fermo e 3 della provincia di Ascoli Piceno.

I ricoveri nelle Marche ancora in calo

Per il secondo giorno consecutivo è in calo il numero dei pazienti 'Covid-19' assistiti negli ospedali delle Marche: sono complessivamente 637, 4 in più rispetto a ieri, dei quali 599 ricoverati nei reparti, 13 meno del giorno precedente, e 38 (+9) nei pronto soccorso. Nelle terapie intensive sono assistite 79 persone, 1 più di ieri: 24 (-1) a Pesaro, 18 (-1) a Torrette, 11 (+2) a Jesi, 14 (+1) al Covid Hospital di Civitanova Marche, 5 a Fermo e 7 a San Benedetto del Tronto. Nelle aree di semi-intensiva sono assistiti in 151, 3 meno di ieri: 52 a Pesaro, 20 (-1) a Torrette, 12 (-2) al covid di Senigallia, 11 (-1) a Jesi, 6 (-1) a Macerata, 28 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 12 a Fermo e 10 (+2) a San Benedetto del Tronto. E' quanto emerge dal secondo bollettino del Servizio sanitario regionale.

Gli altri 369 (-11) pazienti sono ricoverati in reparti non intensivi: 24 al covid di Pesaro, 41 (+2) a malattie infettive, 18 (-1) al Cov4 e 1 alla pediatria di Torrette, 48 all'Inrca di Ancona, 21 all'Inrca di Fermo, 52 (+1) al covid di Jesi, 13 (-1) al covid di Senigallia, 37 (-1) a malattie infettive a Macerata, 11 (-1) al Covid Hospital di Civitanova Marche, 15 a Camerino, 33 (-4) a malattie infettive di Fermo, 28 (-4) al covid di San Benedetto del Tronto, 9 (-1) a
malattie infettive di Ascoli Piceno e 18 (-1) presso la casa di cura Villa Serena.

In tutta la regione ci sono 7.757 persone in isolamento domiciliare, 214 piu' di ieri, mentre nelle strutture territoriali sono ospitati complessivamente 187 pazienti (-2): 32 a Campofilone ( Fermo), 27 a Chiaravalle ( Ancona), 48 (-1) a Galantara ( Pesaro- Urbino), 9 alla riabilitazione di Macerata Feltria (Pesaro- Urbino), 24 (-1) a Fossombrone ( Pesaro- Urbino), 11 a Ripatransone (Ascoli Piceno) e 36 presso la residenza dell'Inrca di Ancona. Sono diventati complessivamente 51.708 i dimessi-guariti, 314 piu' di ieri. Inoltre, sono 2.336 (+29) le persone positive non sono residenti nella regione. Pe ril secondo giorno consecutivo e' in crescita il numero di coloro che sono in isolamento volontario nella propria abitazione, ora 15.533 (+405); tra questi, i soggetti sintomatici sono 4.953 (+39), con 396 (-4) operatori sanitari in quarantena. Dall'inizio dell'epidemia i marchigiani che hanno trascorso volontariamente in casa il periodo di isolamento sono diventati 199.594, i casi complessivamente diagnosticati 469.765 e i tamponi processati 776.442, numero che comprende anche i test effettuati sulla stessa persona e il percorso guariti.

Ancona zona rossa? Si decide nel fine settimana

DOmani la decisione del ministero della Salute sulla zona (probabile) zona arancione, poi nel fine settimana è previsto un nuovo summit tra il governatore Francesco Acquaroli e i sindaci della provincia di Ancona, Mancinelli in testa, per decidere se applicare nuove e più stringenti restrizioni alla provincia di Ancona che anche oggi conta la metà dei contagi regionali. Attualmente e fino alla notte tra sabato e domenica, è vietato per ordinanza entrare e uscire dalla provincia.

Potrebbe essere deciso di istituire una micro zona rossa sul modello umbro già esportato in Lombardia: ossia scuole chiuse (didattica a distanza per tutti gli studenti di ogni ordine e grado), negozi sbarrati tranne alimentari, farmacie, tabaccherie ed edicole. Bar e ristoranti lavorano soltanto su asporto e consegne a domicilio.

A testimoniare la gravità della situazione antonetana, anche i dati della Fondazione Gimbe: la provincia di Ancona risulta sesta in Italia per trend in aumento (7,2% contro 4,5% Marche e il 3,2% della media Italia). 

Covid, le notizie del 18 febbraio

A scuola per tutto giugno e doppi turni. L’obiettivo: recuperare il tempo perduto

La linea del premier: aiuti solo a imprese sane. Mini proroga per lo stop ai licenziamenti