Ancona, 28 novembre 2020 - Nelle Marche via allo screening di massa per cercare i contagi da Coronavirus con i test antigenici. Ad annunciarlo in un post su Facebook è il Governatore Francesco Acquaroli: "Da qualche giorno, insieme all’assessore e agli uffici, stiamo lavorando per predisporre uno screening di massa da mettere in campo nelle prossime settimane per cercare di arginare il contagio e rallentare la terza ondata. Abbiamo pensato che, insieme a tutte le ordinanze e alle tante raccomandazioni, sia importante sostenere le azioni di prevenzione attuando una ricerca minuziosa di tutti quei casi che potrebbero risultare positivi pur essendo asintomatici, al fine di ridurre gli effetti del virus". Questo screening inizierà nelle prossime settimane e vedrà coinvolte la Croce Rossa e l'Università, con cui si sta definendo l’accordo ma che hanno già dato la propria disponibilità.

Il focus Marche verso il ritorno in zona gialla - Zona gialla regole: cosa cambia tra 7 giorni

Covid, screening di massa: ecco come funzionerà

Lo screening si baserà su due fasi. La prima coinvolgerà le città con più di 20mila abitanti, e la seconda tutte le altre con meno di 20mila abitanti. Sarà utilizzato il tampone antigenico rapido e la partecipazione è ovviamente gratuita e su base volontaria. 

Il punto Screening di massa: ecco dove si farà ad Ascoli Test di massa per scovare gli asintomatici: si parte da Macerata, Civitanova e Recanati

Acquaroli: "Fondamentale per la sicurezza dei cittadini e alleviare il peso delle strutture sanitarie" 

"Siamo felici di poter annunciare questa azione - ha detto il Governatore -  perché la riteniamo fondamentale per la sicurezza dei nostri concittadini, per alleviare il peso nelle strutture sanitarie e, infine, per cercare di limitare i danni al settore economico. Intanto lasciateci dire che siamo orgogliosi di questa iniziativa.