Emilia Romagna zona arancione scuro: il presidente Stefano Bonaccini
Emilia Romagna zona arancione scuro: il presidente Stefano Bonaccini

Bologna 28 febbraio 2021 - "Sarà un marzo molto difficile. La terza ondata che ha già colpito la Germania, l'Inghilterra, la Francia, sta colpendo una parte d'Italia, tra cui l'Emilia-Romagna". Lo ha detto il governatore Stefano Bonaccini, a 'Non è la D'Urso' su Canale 5. "Io ho il dovere di prendere decisioni. Siamo qui per ascoltare, per discutere con tutti. Ma la politica, in primo luogo, di fronte ai problemi e ai drammi, ha il dovere di decidere. E quindi saremo pronti a ogni restrizione per tutelare le persone e far riabbassare la curva che sta risalendo in maniera molto pesante e poi per avere primavera e estate che possa andare in maniera migliore".

Covid, dopo Bologna chiude anche la Romagna: ecco cosa cambia - Passeggiate e sport: le regole - Zone arancione scuro Emilia Romagna: restrizioni dove e quando

Proseguendo poi a parlare del coronavirus, il governatore ha detto anche che "abbiamo un'esplosione dei contagi" tra i giovanissimi e "non era mai successo, da un anno a questa parte". "Segnalo che per la prima volta è ricoverata in terapia intensiva, a Bologna, grave, una undicenne. Io non ho dormito la notte". 

Nuovo Dpcm, Bonaccini: "Scuole chiuse dalle elementai in zone rosse"

"Ci sono alcune novità nel primo Dpcm di Draghi - ha proseguito Bonaccini - . Intanto gli spostamenti sono bloccati fino a fine marzo tra le Regioni anche in zona gialla. Verrà mantenuto il sistema in fasce e in zona rossa ci saranno maggiori restrizioni così come ce ne saranno meno in zona gialla. Dal 27 marzo riapertura di cinema e teatri con contingentamenti e mascherina, bisogna dare ossigeno alle attività laddove è possibile". 

Un'altra novità - ha continuato il presidente della Regione Emilia Romagna - "dovrebbe essere che nelle zone rosse si chiude dalle scuole elementari e non più solo dalla prima media alle superiori. E anche in zone arancioni dove il contagio è molto alto, sopra i 250 contagi su 100mila abitanti, e dove la trasmissione nell'ultima settimana è molto elevata, si possono prendere decisioni", come è successo in alcune zone 'arancione scuro': anche qui si potranno chiudere le scuole dalle elementari in poi