Garage (immagine d'archivio)
Garage (immagine d'archivio)

Bologna, 5 febbraio 2020 - Andatura lenta. Lo sguardo che si sposta verso il bordo della strada. Stalli tutti occupati: non c’è il posto per l’auto. "Dove lascio la macchina?", è l’assillo puntuale magari al termine di una giornata di lavoro e quando non si vede l’ora di tornare a casa. Niente da fare, via con un altro giro. Nella speranza di riuscire a parcheggiare non troppo lontano dall’abitazione. Succede spesso, soprattutto nelle città medio-grandi e in particolare nei centri storici.

Posto auto privato all’aperto o garage possono risolvere il problema. Una soluzione che però non è alla portata di tutti.
Ammesso che se ne trovino, box e spazi all’aperto possono costare anche quanto una casa. Uno sguardo all’ultimo report dell’ufficio studi del Gruppo Tecnocasa, riferito al primo semestre 2019, dice innanzitutto che Bologna è prima in Italia per aumento dei prezzi tra le grandi città: l’incremento rispetto al secondo semestre dell’anno precedente è del 2,7% per i garage e del 3,1% per i posti auto, più di Milano e Firenze (a Roma e Napoli i prezzi risultano invece in calo).

Il comparto è in salute, se si considera che in Italia le compravendite crescono del 7,6%, "a conferma – segnala Tecnocasa – della generale ripresa del mercato immobiliare residenziale". Gli spazi per il parcheggio si vendono spesso insieme all’abitazione: le transazioni esclusive sono rare nelle città più piccole, tanto che l’andamento del mercato può dipendere proprio da quello delle case.

Per quanto riguarda i prezzi, il centro storico di Bologna è tra le zone più care d’Italia: un garage in via Indipendenza è quotato 60mila euro, un posto auto all’aperto circa 30mila. Per trovare prezzi maggiori non si deve guardare né a Firenze né a Milano (si spende tendenzialmente di più nel capoluogo emiliano-romagnolo), ma al Centro-Sud: un box sulla collina di Posillipo a Napoli, con vista sul Golfo, può costare anche 100mila euro, mentre a Roma, in zona Colosseo, bisogna mettere in preventivo una spesa di 120mila euro. Il doppio rispetto al ‘top’ di Bologna.

In tutte le città dell’Emilia Romagna c’è una sostanziale differenza di prezzo tra i centri storici (cifre più alte, anche perché l’offerta è minore), le periferie e la provincia. A Ferrara le quotazioni di un garage variano dai 45mila euro agli 8mila, a Modena non si va oltre i 28mila, a Reggio Emilia i prezzi scendono tra i 14.500 euro e i 7mila in città (ancora meno in provincia). In Romagna sono Cesenatico e Riccione, centri di vacanza e anche di seconde case, la città con le quotazioni più salate: box e posti auto costano arrivano a costare rispettivamente 40mila e 20mila euro. Si spende di più nelle zona della Riviera: tra le città capoluogo, Forlì è quella con i prezzi medi più bassi (12mila euro per un box in centro).

Nelle Marche – il report analizza solo Pesaro e Ascoli Piceno – sono San Benedetto del Tronto e il lungomare di Pesaro le zone più redditizie per i proprietari (servono 30mila euro per acquistare un garage, la metà per un posto auto all’aperto). Ad Ascoli, invece, possono bastare anche 8mila euro.
Il report di Tecnocasa dice anche che, nella prima parte del 2019 e a livello nazionale, il 71,3% delle operazioni relative ai box ha avuto come finalità l’acquisto e il 28,7% l’affitto, i cui canoni seguono l’andamento dei prezzi di vendita: si spende di più nelle grandi città e nei centri storici (a Bologna si arriva anche a 450 euro al mese). Altro elemento: in oltre la metà dei casi (51,6%) si compra un garage per investimento. Una scelta che proprio nelle grandi città, affamate di parcheggio, garantisce la resa maggiore.