Giuseppe Conte e Stefano Bonaccini
Giuseppe Conte e Stefano Bonaccini

Bologna, 21 gennaio 2020 - "Credo che Conte sia la persona adeguata per portare avanti un progetto riformista, ma adesso bisogna capire qual è la strada". Il presidente della Regione Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, collegato in diretta a Mattino5 su Canale 5, interviene sulla crisi di governo in atto e non usa mezzi termini. Con 156 voti al Senato, di cui tre senatori a vita, con i problemi che il Paese deve affrontare, però, Conte "non può andare avanti", chiedendo "una nuova squadra di governo".

Crisi di governo: premier in affanno, numeri bassi. Caccia agli scontenti di Iv e FI

"Questo paese - sottolinea ancora Bonaccini - ha bisogno di una guida convintamente coi piedi piantata nell'Europa". Poi un consiglio netto e spassionato: "Ascolti di più i territori".

Il consiglio: "Ascolti di più i territori"

"Se posso dare un consiglio non richiesto al presidente del Consiglio e alle forze di maggioranza, compreso il mio partito (il Pd, ndr): coinvolgano
di più le parti sociali, gli amministratori locali - ha aggiunto -. Non vorrei ci si chiudesse troppo negli uffici di Roma". "C'è un Paese nel quale ci sono importanti esperienze, di governo quotidiano del territorio, che a mio parere andrebbe un po' più ascoltato", ha precisato.

Una nuova squadra di governo

"Credo che una nuova squadra serva, nel giro di pochi giorni, come credo che pretenda il presidente della Repubblica - ha detto Bonaccini - un numero di parlamentari e senatori che garantisca" che i numeri di senatori che appoggiano Conte "vengano irrobustiti" perché "il rischio è che anche con le migliore idee non riuscire a metterle in campo".

Ma, secondo il governatore del Pd "non basta nemmeno quello: serve un programma di legislatura, anche nuovo, rafforzato. E poi serve anche una nuova squadra di Governo".