Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
31 gen 2022

Green pass: cosa cambia dall'1 febbraio

Per andare nei negozi, in banca, in posta o all'Inps si dovrà avere il Green pass base, ma non è la sola cosa che cambia a partire da martedì 1 febbraio. Cambia, infatti, anche la durata del Green pass rafforzato e scatta la multa per gli over 50 non vaccinati. Mascherine all'aperto e discoteche chiuse fino al 10 febbraio

31 gen 2022
francesca delvecchio
Cronaca

Bologna, 1 febbraio 2022 - Oggi, martedì 1 febbraio, entrano in vigore le nuove regole sul Green pass. Sono disposizioni che impongono anche a chi non si è vaccinato o non è guarito dal Covid di avere il Green pass base, che si ottiene con il tampone, per poter accedere a certi servizi, come quelli postali, bancari e finanziari o per poter entrare in negozi e attività commerciali. Ma da oggi cambia anche la durata di validità della certificazione verde, così come scatta la multa per gli over 50 che non hanno ancora ricevuto la prima dose.

Approfondisci:

Green pass, Dad e colori delle regioni: attese oggi le nuove regole covid

Green pass base richiesto anche in libreria (Calavita)
Green pass base richiesto anche in libreria (Calavita)

Proroga mascherine all'aperto

Al 31 gennaio 2022 era fissata la scadenza dell'obbligo di indossare la mascherina all'aperto anche in zona bianca e su tutto il territorio nazionale. Disposta una proroga dopo il Consiglio dei ministri, fino al 10 febbraio.

Green pass rafforzato: durerà 6 mesi

La durata del Green pass rafforzato (che si ottiene con la vaccinazione o dopo essere guariti dal Covid) è ridotta 9 a 6 mesi. La durata del Green pass base che si ottiene con tampone negativo varia in base al tipo di tampone: con quello molecolare la certificazione verde dura 72 ore, con il tampone rapido o antigenico 48 ore.
Il super Green pass da guarigione o ottenuto dopo la seconda dose del vaccino durerà 6 mesi a prescindere dalla data in cui è stato ottenuto. Se si ha un Green pass in scadenza, si dovrà provvedere a fare la terza dose.
Il Green pass di chi ha fatto il richiamo (booster in inglese) o la terza dose - denominato anche Green pass booster o Green pass mega -, invece, avrà molto probabilmente durata illimitata. Non è stato ancora varato il decreto che lo conferma, ma non essendoci ancora istruzioni per la quarta dose, questo Green pass non scadrà.

Terza dose: cambia il periodo minimo per la somministrazione

Con ordinanza del Ministro della salute, il periodo minimo per la somministrazione della terza dose viene ridotto da 5 a 4 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario.

Green pass base, dove serve dal 1° febbraio

Da martedì 1 febbraio servirà avere il Green pass base, se non si possiede già quello rafforzato, per accedere a uffici pubblici, servizi postali, bancari e finanziari, ma anche ad attività commerciali, escluse quelle di primaria necessità. Quindi serve almeno un tampone negativo per andare in Posta a ritirare la pensione, ad esempio, per entrare in banca o all'Inps.

Stesso discorso per entrare in negozi di abbigliamento e nei negozi per bambini (abbigliamento e giocattoli), in quelli di cosmetica, dai tabaccai o nelle librerie e nelle edicole al chiuso: servirà almeno il Green pass base. Se le edicole sono situate in chioschi all'aperto non avranno l'obbligo di richiedere la certificazione verde.
Inoltre, dal 20 gennaio è già necessario almeno il base per andare dall'estetista o dal parrucchiere. Senza Green pass si è liberi di entrare in supermercati o negozi di alimentari, così come in farmacie, parafarmacie o dagli ottici. Sarà così possibile acquistare beni primari, alimenti e prodotti di cura per la persona. Nessun Green pass richiesto anche per rivendite di carburante, di prodotti per animali e casalinghi.

Multa agli over 50 non vaccinati

Dal 1° febbraio scatta la multa di 100 euro per gli over 50 che non hanno ancora ricevuto la prima dose. L'8 gennaio scorso, infatti, è entrato in vigore il decreto che impone l'obbligo vaccinale per i 50enni. Così come sempre dal 1° febbraio i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età dovranno fare almeno la prima dose, perché dal 15 febbraio 2022 sarà necessario il green pass rafforzato per l’accesso ai luoghi di lavoro fino al 15 giugno 2022.
Da quel giorno chi non sarà vaccinato sarà considerato assente ingiustificato, non percepirà lo stipendio e rischierà una multa da 600 a 1.500 euro.

Discoteche chiuse fino al 10 febbraio

Le disposizioni riguardo la chiusura di sale da ballo, discoteche e locali assimilati, così come il divieto per eventi, feste e concerti, che implichino assembramenti in spazi all’aperto erano valide dal 25 dicembre 2021 al 31 gennaio 2022. Il Consiglio dei Ministri ha prorogato la chiusura delle discoteche fino al 10 febbraio. 

Il Green pass per gli arrivi dall'Ue

Per i viaggiatori provenienti dai Paesi dell’Unione Europea sarà sufficiente il Green pass (base o rafforzato) senza obbligo di un ulteriore tampone. Questa è un'altra misura in vigore dal 1° febbraio e fino al 15 marzo, tramite un'ordinanza firmata dal Ministro della Salute, Roberto Speranza. Nella stessa ordinanza vengono inoltre prorogate ed estese le misure relative ai 'Corridoi turistici Covid-free' che riguarderanno ulteriori destinazioni: Cuba, Singapore, Turchia, Thailandia (limitatamente all’isola di Phuket), Oman e Polinesia francese.
 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?