Bologna, 12 gennaio 2022 - Cosa fare se si è contratto il Covid per riavere il proprio Green pass, una volta guariti? E’ quello che si chiedono in molti e la procedura sta risultando, in realtà, un non del tutto agevole per diversi cittadini che, tornati negativi, non hanno ancora il certificato attivo e vivono in un limbo burocratico. Colpa dell'impennata di casi causati dalla variante Omicron e dal caos tracciamento, per arginare il quale sono state disponte nuove regole per isolamento e quarantena.

Green pass, quanto dura dall'1 febbraio. Domande e risposte - Nuove regole covid: le richieste delle Regioni su green pass, Dad e colori - Green pass e terza dose: come scaricarloQuarantena e isolamento Covid in Emilia Romagna, le nuove regole con i tamponi rapidi -Fine quarantena e isolamento, le regole in Emilia Romagna Covid, tampone positivo: cosa fare e quanto dura l'isolamento - Covid: terza dose, contatto con positivo, tamponi rapidi. Domande e risposte

Green pass da guarigione, boom di richieste

Green pass da guarigione, quando arriva?

Partiamo dalle premesse. Chi è guarito dal Covid, era in possesso di un Green pass valido per 6 mesi che viene però bloccato con l’arrivo della malattia: il periodo di regolarità del Qr Code è indicato nei dettagli del certificato verde.

Green pass dei negozi: da quandoGreen pass e trasporti: le nuove regole per scuolabus, autobus e treni

La riattivazione del green pass (dal 6 gennaio)

Lo sblocco del Green pass dopo la guarigione, però, ora può avvenire anche grazie a una nuova procedura: non sarà più necessario il certificato di guarigione, ma basterà l’esito negativo di un test molecolare o rapido. Quindi, di fatto, si sbloccherà autonomamente. A precisarlo, dopo le numerose segnalazioni di cittadini che tornati negativi non hanno ancora il certificato attivo, è il ministero della Salute.

Lo sblocco automatico del green pass per chi è guarito dal Covid, però, vale soltanto per chi ha un tampone negativo a partire dal 6 gennaio 2022. Prima del 6 gennaio, il green pass delle persone guarite dal Covid veniva riattivato dopo l’inserimento nella piattaforma del ministero della Salute del certificato di guarigione effettuato dal medico di base. Ora, il green pass si blocca con tampone positivo e si sblocca quando arriva il tampone negativo, inserito dalla struttura sanitaria o dalla farmacia.

Terza dose, effetti collaterali con Moderna o Pfizer. "Nessuna reazione avversa seria"

Come avere il super green passa da guarigione

Attenzione, però, perché lo sblocco riguarda il green pass di cui già si era in possesso prima della malattia. Per il nuovo super green pass, che riparte dalla data della guarigione, serve il certificato di guarigione del medico di base. Il ministero della Salute, infatti, precisa che il tampone negativo riattiva il Green pass che era stato bloccato al momento del rilevamento della positività.

Per avere, poi, il nuovo Green pass dei guariti - che fa ripartire i sei mesi di validità- , il medico di base deve inserire il certificato sulla piattaforma, in modo che venga trasmesso a livello centrale. Secondo quanto specificano le Faq del ministero della Salute, Il medico curante o l'Asl che ha emesso la certificazione di fine isolamento dovranno inserire i dati del paziente nel ‘Sistema Tessera Sanitaria’.

Solamente dopo tale inserimento, il ministero della Salute potrà generare in automatico la nuova Certificazione verde Covid-19 che, in Italia, varrà per 6 mesi dalla data di inizio validità indicata sul certificato di guarigione. Nel resto dell’Unione europea varrà per 180 giorni dal primo tampone molecolare positivo.

Nuovo decreto covid 5 gennaio: obbligo vaccino over 50, Green pass per negozi. Cosa cambia

In Emilia Romagna basta il tampone negativo 

In Emilia-Romagna – fanno sapere dalla Regione –. per il rilascio del green pass da guarigione è sufficiente il tampone rapido negativo fatto in farmacia, gratuitamente, senza passare dal medico di base.

Come sacaricare il nuovo super green pass

Ci sono almeno quattro metodi per scaricare il nuovo green pass, ottenuto dopo la guarigione

  • Se si possiede l'identità digitale (Spid o Cie) basta collegarsi a questo sito governativo
  • Oppure c'è questo altro sito governativo per chi non ha identità digitale, ma ha la tessera sanitaria. Bisogna inserire le ultime 8 cifre del numero della tessera sanitaria, la data di scadenza, e uno dei codici univoci ricevuti con: il vaccino (AUTHCODE), il tampone molecolare (CUN), il tampone antigenico rapido (NRFE), il certificato di guarigione (NUCG).
  • Si scarica dal fascicolo sanitario regionale, anche in formato Pdf
  • Dalla App Immuni, nell'apposita sezione “EU Digital COVID Certificate”. Anche in questo caso, servono le ultime 8 cifre del numero identificativo della tessera sanitaria, la data di scadenza, uno dei codici univoci ricevuti con: il vaccino (AUTHCODE), il tampone molecolare (CUN), il tampone antigenico rapido (NRFE), il certificato di guarigione (NUCG).
  • Dalla App IO: non appena viene rilasciato il nuovo green pass, si riceve un messaggio della App (bisogna attivare le notifiche) sul cellulare. Aprendolo, si trova il Qr code che potrà anche essere salvato nella galleria delle immagine dello smartphone.
  • Con l'aiuto di medici, pediatri, farmacisti e professionisti sanitari e laboratori pubblici e privati: accedendo con le proprie credenziali al Sistema Tessera Sanitaria, potranno recuperare la tua Certificazione verde. Servono codice fiscale e i dati della tessera sanitaria

Cosa fare se non arriva il certificato di guarigione?

Si può usare il covide Authcode, che può essere utilizzato anche in caso di tampone molecolare o antigenico rapido e di guarigione,

Come recuperare il codice Authcode?

Arriva sia Sms o email ai recapiti che comunicati all'autorità sanitaria. Se non è arrivato, si può recuperare in questo sito.

Boom di green pass da guarigione

Intanto, il numero delle certificazioni verdi emesse dopo le guarigioni decolla, a testimonianza dell’aumento dei contagi. Secondo i numeri forniti dal Governo si è passati dai 6.729 del 12 dicembre 2021 ai 96.742 del 10 gennaio 2022.