Ancona, 11 febbraio 2021 - Sono solo zone rosse o addirittura presunte tali, ma bastano per preoccupare la provincia delle Marche più martoriata dal Covid. Basta dare uno sguardo alla cartina e si scopre che la provincia di Pesaro e Urbino confina con Perugia, dove da due giorni è scattata una zona rossa avendo più di metà dell’Umbria un’incidenza di casi positivi a quota 355 casi su centomila abitanti. E’ attualmente la seconda zona rossa dopo il disastro prolungato dalle scelte autonome di Bolzano che ha toccato addirittura 850 casi.

Marche in zona gialla: ecco fino a quando. Ma Ancona rischia grosso - Umbria e Marche nella lista nera della Svizzera

Ma il quadro geografico propone – anche con dati rilevanti (311 casi) – la provincia di Rimini a nord. E la provincia di Ancona a sud. Inoltre in tutti e quattro territori sono presenti casi della variante inglese che rappresentano la metà di quelli individuati. Per farla semplice basta sottolineare che il Gores nel comunicare i 421 nuovi positivi delle Marche sottolinea che ben 224 provengono da Ancona. Molti di più rispetto agli 83 di Pesaro e Urbino ed ai 60 di Macerata. Al di là dei dati giornalieri è la media di incidenza di Ancona con 230 positivi per centomila abitanti che preoccupa gli esperti essendo stabile da tre settimane.

Colori regioni: Toscana a rischio zona arancione. Ipotesi Umbria rossa

image

Intrecciata con il boom della variante inglese nei Comuni di Sirolo, Loreto, Osimo, Castelfidardo e Jesi, questa situazione renderebbe possibile anche un intervento straordinario come Perugia. Ma il presidente delle Marche Francesco Acquaroli ha il freno a mano tirato da alcuni giorni. In Regione si stanno ipotizzando microzone arancioni, se non proprio rosse, insieme a controlli serrati delle forze dell’ordine laddove il virus rischia di andare fuori controllo. "Vogliamo in tutti i modi mantenere la fascia gialla – dice Acquaroli – quindi, se necessario, adotteremo provvedimenti nelle zone dove il virus è maggiormente presente".

Per esempio Ancona, che è posizionata come ottava provincia in una graduatoria guidata da Bolzano e Perugia in zona rossa. Mentre Pescara e Rimini hanno superato l’incidenza dei 300 casi. Perugia ed Ancona sono peraltro zone di allarme diffuso per la cosiddetta variante inglese. Significativamente anche a Rimini. A rassicurare, almeno in parte, Acquaroli e la sua giunta è un Rt che è rimasto anche sotto quota 1. In sostanza siamo a 0,90. Il che permetterà di rimanere nella colorazione gialla. Per evitare sorprese Marche Nord ha inviato ad Ancona campioni da sottoporre a test per la verifica della presenza della variante inglese in casi di Pesaro.

Covid, le altre notizie

Covid-19, il modello che prevede il rischio di sviluppare sintomi gravi

Colori regioni: Toscana a rischio zona arancione. Ipotesi Umbria rossa

Vaccino AstraZeneca, Oms: "Anche per over 65 e contro varianti"