Bologna, 8 marzo 2021 – La variante inglese del coronavirus, che variante ormai non è più visto che viene considerata predominante, corre sempre di più, il picco di questa terza ondata non arriverà menneo nei prossimi giorni. Quindi una nuova stretta, sotto la forma di nuovo Dpcm, è ormai molto probabile. Oggi si è riunita la cabina di regia con gli esperti del Cts, dell'Iss e i ministri in prima linea, a cominciare ovviamente da Roberto Speranza, poi Mariastella Gelmini che tiene le fila con le Regioni, e il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario nominato da Mario Draghi. Il premier non c'era, ma in giornata ha tirato le fila in vista di nuove restrizioni che arriveranno probabilmente già a partire dal prossimo fine settimana.

Aggiornamento Nuovo Dpcm, oggi la riunione del Cts. Lockdown nel weekend e negozi, cosa può cambiare

Covid, videomessaggio Draghi: nuovo peggioramento emergenza, ma via d'uscita non è lontana - Recovery plan, Franco: "All'Italia 191,5 miliardi, fondi da fine estate" - Covid oggi, bollettino coronavirus 8 marzo. Dati Italia e Emilia Romagna

Le ipotesi sul campo sono varie, ma portano tutti nella stessa direzione: ridurre la mobilità soprattutto dei più giovani che sono nel mirino della variante inglese.

Prima ipotesi: il coprifuoco

Un'idea al vaglio è anticipare la 'no exit zone' di almeno un paio d'ore, quindi alle 20 (si parla anche delle 19, ma questo impatterebbe anche sule attività commerciali). Una strada pensata per ridurre o, meglio azzerare, qual che resta della movida clandestina

Seconda ipotesi: fine settimana

Potrebbe essere ripescato il modello natalizio, con il fine settimana caratterizzato da restrizioni più dure, in modo da evitare gli affollamenti nei parchi o nelle spiagge.

Terza ipotesi: i negozi

Si parla anche di legare i negozi all'apertura delle scuole. Attualmente, oltre che nelle zone rosse, anche nei territori dove si superano i 250 contagi a settimana ogni 100mila abitanti.

Quarta ipotesi: lockdown

E' quella sponsorizzata dai tecnici del Cts, ma per ovvi motivi economici, è quella che viene considerata soltanto una extrema ratio.

image

La progressione

Quello che spaventa, ovviamente, è la crescita esponenziale dei nuovi casi: l'Emilia Romagna, per esempio, resta stabilmente sopra ai 3mila contagi da giorni. Già la settimana scorsa, l'incremento settimanale dei nuovi contagi è stato del 30%. Nelle Marche del 27% e nel Veneto del 24%.

Nuovi colori

Da oggi scattano i nuovi colori decise venerdì dal ministro Speranza: per esempio, il Veneto passa in arancione (qui le regole) e la Campagna in zona rossa. Ma entrano in vigore anche alcune ordinanze decise dai presidenti della Regione, come in Emilia Romagna dove tutta la Romagna entra in zona rossa: 2 milioni e 800mila persone si aggiungono agli abitanti di Bologna e Modena nel regime di massime restrizioni (qui le regole).

Emilia Romagna zona rossa, arancione scuro e arancione: mappa e regole per colore

Ma non è finita qui: è prevista oggi un'ordinanza della Regione Marche che sancisce il passaggio in zona rossa anche della provincia di Pesaro (dopo quella di Ancona e Macerata) e anche la provincia di Fermo è a forte rischio. Ad Ascoli ieri è stata individuata una donna positiva alla variante sudafricana.

image