Cesena, 29 dicembre 2021 - E' la responsanbile del record di contagi covid in questi ultimi giorni (oggi in Emilia Romagna 4.134 nuovi casi, ma così tanti): è la Omicron. Agli interrogativi sulla nuova variante del Coronavirus risponde il professor Vittorio Sambri, direttore dell’Unità di Microbiologia del Vittorio Sambri fa chiareLaboratorio Unico di Pievesestina di Cesena, dove si processano ogni giorno oltre 10mila tamponi orofaringei raccolti in ambito romagnolo e non solo.

Green pass da guarigione: come sbloccarlo e avere il nuovo - Covid, tampone positivo: cosa fare e quanto dura l'isolamento - Covid, Cossarizza: "Vaccini efficaci, ma i no-vax sono troppi" - Covid, il virologo Silvestri vede una pandemia raffreddata

Terza dose e contatto stretto con positivo: cosa cambiaRistoratore no vax: "Ero ricoverato e mi auguravano di morire" - Covid, Sambri: "Facciamo troppi tamponi, il sistema così non regge" -  Super Green Pass: dal lavoro ai trasporti. Cosa cambia dal 10 gennaio - Emilia Romagna, il bollettino Covid del 30 dicembre

Variante Omicron: "Picco di contagi tra due settimane" - Cosa fare dopo il contatto con un positivo

Quarantena ridotta con la terza dose, oggi il Cts decide - Covid Emilia Romagna, con il tampone rapido via alla quarantena

Variante Omicron del covid: sintomi e incubazione

Che sintomi manifesta la variante Omicron?

"Non comporta sintomi gravi, per quello che ne sappiamo fino ad ora, cambiano però nel caso di soggetti vaccinati con tre dosi oppure non immunizzati".

Quanto dura il periodo di incubazione?

Nei vaccinati la presenza del virus è molto breve. Significa che se sono infetto, e teoricamente posso spargere il virus, lo faccio per un tempo breve. E questo è il motivo per cui si pensa ad una quarantena breve per i vaccinati".

E’ vero che attacca le prime vie respiratorie (naso e gola) ma meno i bronchi e i polmoni?

"E’ abbastanza vero, ma anche qui la differenza la fa il vaccino. Nei vaccinati, il Covid-19 è una malattia diversa rispetto a quella che si sviluppa nei non vaccinati. Nei primi, infatti, quasi mai si arriva ad un coinvolgimento polmonare. Nei non vaccinati è una polmonite virale severissima, negli immunizzati è un’infezione delle alte vie respiratorie".

Che differenza c’è, allora, da un comune raffreddore?

"Nei sintomi non differisce da un comune raffreddore. In questi giorni ho almeno 50 pazienti che hanno avuto poche linee di febbre, hanno starnutito per cinque giorni ed è passata così. Ovviamente erano tutti vaccinati".

Quanti giorni dopo il contatto a rischio ci si deve sottoporre al tampone?

"Se non si è vaccinati non prima di cinque, prima non avrebbe alcun senso poiché il responso potrebbe essere negativo in quanto il virus non ha raggiunto una carica tale da esser tracciabile. Se si è vaccinati ho sinceramente dei dubbi che valga la pena di farlo".

Quanto dura il Covid con la variante Omicron? Più o meno della variante Delta?

"Esattamente uguale, tutto dipende, ancora una volta, se il soggetto è vaccinato oppure no".

Ricevi l'informazione di qualità direttamente a casa tua con le nostre testate.  

Covid: leggi anche

Quarantena Covid viaggi estero: le regole da seguire

Capodanno 2022, le restrizioni covid per feste e viaggi

Tampone rapido e fai da te: uno su due è un falso negativo

Terza dose, effetti collaterali con Moderna o Pfizer. "Nessuna reazione avversa seria"

Covid Veneto 29 dicembre, 8.666 casi e 23 morti. Zaia: "Vicini al punto di non ritorno"