Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 mag 2022
federica gieri samoggia
Cronaca
29 mag 2022

Sciopero scuola 30 maggio 2022, possibili chiusure e disservizi: le motivazioni

Proclamato da Cgil Cisl e Uil a pochi giorni dalla fine dell'anno (sabato 4 giugno): sul tavolo anche il rinnovo del contratto scaduto da tre anni

29 mag 2022
federica gieri samoggia
Cronaca

Bologna, 30 maggio 2022 - Trenta maggio: sciopero generale della scuola proclamato da Flc Cgil; Cisl Scuola; Uil Scuola; Snals e Gilda per l’intera giornata. Il tutto pochi giorni prima dell’ultima campanella che suonerà sabato 4 giugno in alcuni casi e venerdì 3 giugno in altri. Vista la platea sindacale, è probabile che alcune scuole restino chiuse o quanto meno ci siano disservizi con entrate posticipate, uscite anticipate oppure, per medie e superiori, ore buche.

Molteplici i motivi di questo sciopero che fanno comunque perno "contro l’invasione di campo operata dal Governo con il decreto Legge n. 36 del 30 aprile 2022 in materie, salario e carriera, che sono di esclusiva competenza delle parti negoziali".

Scuola, 30 maggio sciopero generale

Le motivazioni dello sciopero

Per questo i sindacati della scuola chiedono , tra l’altro, lo stralcio dal decreto di tutte le materie di natura contrattuale; l’avvio immediato della trattativa per il rinnovo del contratto , scaduto da tre anni; l’implementazione delle risorse per la revisione e l’adeguamento dei profili Ata (personale tecnico ammnistrativo, ndr ) e per l’equiparazione retributiva del personale della scuola agli altri dipendenti statali di pari qualifica e titolo di studio e il progressivo avvicinamento alla retribuzione dei colleghi europei.

Ed ancora, l’eliminazione degli eccessi di burocrazia nel lavoro dei docenti; la restituzione della formazione di tutto il personale della scuola alla sfera di competenza dell’autonomia scolastica e del collegio docenti; la revisione degli attuali parametri di attribuzione degli organici alle scuole per il personale docente, educativo e Ata; la riduzione del numero di alunni per classe ; modalità specifiche di reclutamento e di stabilizzazione sui posti storicamente consolidati in organico di fatto che superino il precariato esistente; modalità semplificate, per chi vanta una consistente esperienza di lavoro, di accesso al ruolo e ai percorsi di abilitazione.

Poi, ancora, l’incremento dell’organico dei collaboratori scolastici di 2.288 unita secondo l’impegno ministeriale; l’indizione del concorso riservato per gli Assistenti Amministrativi Facenti funzione di Dsga (Direttore dei servizi generali; ndr ) con tre anni di servizio nella funzione anche se sprovvisti di titolo di studio; la semplificazione delle procedure amministrative per liberare le segreterie dai compiti impropri (pensioni, ricostruzione di carriera, graduatorie di istituto) re-internalizzando quelli di competenza dell’Amministrazione scolastica e la revisione del regolamento sulle supplenze Ata.

Sciopero scuola 30 maggio, professori incrociano le braccia: “Per la scuola solo tagli”

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?