Bologna, 6 aprile 2021 - Passata la Pasqua, gli studenti fino alla prima media domani torneranno in classe anche in Emilia Romagna. Come ha previsto l'ultimo decreto Draghi, infatti, la scuola sarà in presenza fino alla prima media anche in zona rossa. Emessa l'ordinanza regionale sulle misure per il rientro. La vicepresidente Schlein e gli assessori Salomoni e Donini: "Pronti a ripartire, nel massimo rispetto della sicurezza".

Nelle Marche dal 7 aprile le Superiori saranno al 50% - Scuola e Covid, in classe sei studenti su dieci. Ma sui tamponi è il solito caos

Le Regioni non hanno potuto derogare ed è quindi impossibile usufruire della didattica a distanza. La Regione, per un ritorno in aula sicuro, ha messo a punto un piano di misure condivise: dal completamento delle vaccinazioni per tutti i lavoratori del mondo scuola, ai tamponi rapidi e gratuiti in farmacia per studenti famiglie e personale scolastico fino a quelli a campione volontari per prevenire focolai (qui le misure nel dettaglio).  

Sul tema è intervenuto anche il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini che sui social si è rivolto agli studenti alla vigilia del loro ritorno a scuola dopo il prolungato stop delle settimane scorse, dopo un weekend "non facile", in cui ha ricevuto nel giorno di Pasquetta un pacco da contestatori Covid davanti alla sua abitazione.

Ristoranti, teatri, parrucchieri: spiragli d'apertura dopo il 20 aprile. Pressing su Draghi - L'ultimo bollettino Covid dell'Emilia Romagna

"Dopo un fine settimana non facile oggi si ricomincia - scrive su Instagram Bonaccini -. Questa mattina ho avuto un piacevole confronto con i bambini della quinta elementare di Campogalliano, il Comune in cui vivo. Loro come tutti i ragazzi fino alla prima media da domani torneranno in classe, una buona notizia per tutti. Ho ribadito che per noi la scuola rimane una priorità e speriamo tutti gli studenti della nostra regione possano tornare presto in classe".

Scuola: l'ordinanza della regione Emilia Romagna (Pdf)

Contact tracing, quarantena, riammissione a scuola e vaccinazione anti-Covid per il personale. Rafforzamento dei controlli da parte delle Aziende sanitarie. Sono le misure principali contenute nell'ordinanza di Stefano Bonaccini, ha firmato l’ordinanza, che recepisce l’aggiornamento del protocollo per la gestione di casi Covid-19 confermati in ambito scolastico in aree a elevata prevalenza di varianti del virus, misure anticipate nei giorni scorsi.

“Siamo pronti a riaprire dopo un lavoro di condivisione che aveva l’obiettivo di creare le condizioni di sicurezza necessarie- sottolineano la vicepresidente della Regione, Elly Schlein, e gli assessori regionali alla Scuola e alle Politiche per la Salute, Paola Salomoni e Raffaele Donini-. Misure che abbiamo presentato ai sindacati e sulle quali ci siamo confrontati con l’Ufficio scolastico regionale. Inoltre, stiamo proseguendo a vaccinare il personale scolastico, grazie alla preziosa collaborazione con i medici di base, un traguardo che vogliamo centrare al più presto. È però importante che la guardia non venga abbassata. Per questo, alla vigilia del rientro nelle aule, ci appelliamo a tutti affinché i comportamenti siano i più prudenti e cauti possibili, nel pieno rispetto delle regole di sicurezza e prevenzione”.