Scuole Emilia Romagna: riapertura lunedì 12aprile 2021
Scuole Emilia Romagna: riapertura lunedì 12aprile 2021

Bologna, 10 aprile 2021 - L’Emilia-Romagna torna in zona arancione (le regole), come da ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, e lunedì ritornano in classe anche seconde e terze medie e il 50% degli studenti delle superiori: questa la percentuale stabilita dall'Ufficio scolastico regionale fino al sabato 17. Dopo questa data verrà rifatta la valutazione, c'è la possibilità che la percentuale aumenti Riaprono anche i negozi e le attività di servizio alla persona e si può tornare a visitare amici e parenti nel comune di residenza.

Zona gialla ad aprile: le date per la ripartenza e le regioni pronte

Tutti in classe (o quasi)

Complessivamente, secondo i dati dell’Ufficio scolastico regionale, parliamo di 276.969 ragazzi e ragazze, di cui 83.777 (circa il 30%) in seconda o terza media e 193.192 delle superiori, che sono quelli appunto interessati dalla didattica in presenza, per ora, al 50%. 

Coronavirus 10 aprile 2021: bollettino Emilia Romagna

Più autobus a Bologna e Ferrara

Da lunedì, con il ritorno alla didattica in presenza anche per le scuole superiori, saranno di nuovo attivi "i potenziamenti dei bus, concordati ai tavoli prefettizi sulla base delle indicazioni degli Uffici scolastici territoriali di Bologna e Ferrara, che nello scorso gennaio avevano consentito il rientro degli studenti in sicurezza". Tper sndo di essersi attivata "già da venerdì, in previsione del possibile passaggio in zona arancione, per organizzare la riprogrammazione del trasporto pubblico".

Nel bacino metropolitano di Bologna, in accordo con l'Agenzia per la mobilità Srm, "saranno messe in servizio quotidianamente 570 corse supplementari nei giorni feriali, grazie all'impiego di 88 mezzi in più, che si aggiungono a quelli di norma in servizio nel pieno periodo scolastico". Parallelamente, come concordato con l'Agenzia per la mobilità Ami, nel bacino di Ferrara saranno "38 i bus supplementari messi in campo, che garantiranno 195 corse in più al giorno rispetto al normale servizio scolastico invernale". 

Emilia Romagna arancione: le regole

Nel dettaglio, in zona arancione, gli spostamenti saranno consentiti solo nel comune di residenza dalle 5 alle 22, salvo comprovati motivi di lavoro, salute e necessità. A scuola si torna alla didattica in presenza, seppur al 50%, per tutti gli studenti emiliano-romagnoli delle superiori, dopo che gli alunni più piccoli, fino al prima media, erano già rientrati in aula a partire da mercoledì 7, quando erano stati riaperti anche nidi e materne. Da lunedì, rientro pieno anche per le classi seconde e terze delle medie.

Riaprono i negozi e le attività commerciali, inclusi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri ed estetiste. Esercizi commerciali rimarranno chiusi nel fine settimana se all’interno di mercati, centri e gallerie commerciali e altre strutture ad essi assimilabili, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi e edicole.

Per quanto riguarda bar e ristoranti, i locali sono chiusi al pubblico, ma resta possibile l’asporto, fino alle 18 per i bar e fino alle 22 per enoteche e ristoranti, e la consegna a domicilio, senza limiti di orario.

Con il passaggio in zona arancione ritorna la possibilità di una visita a casa di amici e parenti: deve avvenire all’interno del territorio del proprio comune, tra le 5 e le 22, una sola volta al giorno nel limite di due persone oltre al nucleo familiare ospitante (fatta eccezione per i minori di 14 anni, persone con disabilità o non autosufficienti conviventi). Per chi vive in un comune al di sotto dei 5 mila abitanti, le visite ad amici o parenti, con le medesime modalità, sono consentite entro i 30 chilometri dal confine del proprio comune, quindi eventualmente anche in un’altra Regione o Provincia.