Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
4 lug 2022

Siccità, deliberato lo stato d'emergenza anche per Emilia Romagna e Veneto

Lo ha deciso il Consiglio dei ministri. Ecco come verranno dipartite le risorse. Bonaccini: "Siamo stati i primi a chiederlo"

4 lug 2022
featured image
Siccità, 5 regioni verso lo stato di emergenza
featured image
Siccità, 5 regioni verso lo stato di emergenza

Roma, 4 luglio 2022 -  Ci sono anche Emilia Romagna e Veneto tra le prime cinque Regioni per cui in serata il Cdm ha decretato lo stato di emergenza, assieme a Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Veneto. Il Consiglio dei ministri ha quindi dato il via libera sullo stato di emergenza legato alla siccità "in atto nei territori delle Regioni e delle Province Autonome ricadenti nei bacini distrettuali del Po e delle Alpi orientali, nonché per le peculiari condizioni ed esigenze rilevate nel territorio delle regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Veneto". Trentasei milioni e mezzo da destinare a 5 regioni piegate dalla 'grande sete': 10,9 milioni andranno all' Emilia Romagna, 4,2 milioni al Friuli Venezia Giulia, 9 milioni alla Lombardia, 7,6 milioni al Piemonte e 4,8 milioni al Veneto. Con ormai settimane di caldo record, l'agricoltura al collasso e i fiumi a secco, il governo ha dunque dato il via libera allo stato di emergenza, in vista di un decreto ad hoc con la nomina di un commissario straordinario e l'avvio delle prime procedure per contrastare la siccità in Italia.  Meteo Emilia Romagna, maltempo improvviso e acquazzoni. Ecco dove Bonaccini: "Grazie al Governo per il primo stanziamento di fondi" "Ringrazio il Governo e il presidente Draghi per l'accoglimento e il varo dello stato di emergenza per l'Emilia-Romagna che avevamo richiesto, con subito lo stanziamento dei primi 10,9 milioni di euro per gli interventi più urgenti contro la grave siccità che stiamo vivendo. Un ottimo segnale - spiega in un comunicato il governatore dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini - di attenzione in tempi brevi al quale, sono certo, seguirà successivamente lo stanziamento degli altri fondi necessari. Serve l'impegno del Paese, anche per un piano nazionale e misure strutturali, e l'Emilia-Romagna è pronta a fare come sempre la sua parte". "Auspico che venga dichiarato lo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?