Bologna, 5 dicembre 2020 – Il maltempo ha imperversato oggi sferzando tutta l'Emilia Romagna. Raffica di interventi dei vigili del fuoco in tutto il territorio per esondazioni, allagamenti e alberi divelti. Il fiume Secchia, nel Modenese e nel Reggiano ha superato il livello rosso, a Sasso Marconi è esondato il Canale del Maglio, a Imola si sono allagati gli impianti della turbina idroelettrica, mentre a Castiglione dei Pepoli sono volate parti di copertura del palazzetto dello sport. 

Aggiornamento Fiumi in piena in Emilia Romagna: è allerta rossa. I livelli e le previsioni meteo - Esonda il Panaro e rompe un argine: 20 famiglie evacuate

Preoccupa la situazione dei fiumi in tutta la regione che sono in piena tanto che, nel Modenese, alcuni ponti sul fiume Secchia sono stati chiusi. E tanto che l'allerta meteo arancione è stato esteso fino a tutta la giornata di domani 6 dicembre e riguarda la pianura centrale emiliana e la pianura e bassa collina emiliana occidentale. Sulle coste della provincia di Ferrara sono previste anche mareggiate. Criticità anche nel nel Ravennate. Nella giornata di domenica, informa Arpae, si potranno verificare anche deboli nevicate sul crinale appenninico del settore centrale a quote superiori ai 1700-1800 metri.

Sala operativa regionale aperta h24 per fra fronte all'emergenza meteo. 

false

Fiumi in piena

A causare un aumento improvviso e importante di portata d'acqua ci sono vari fattori: la neve caduta copiosa in montagna che si sta sciogliendo molto rapidamente a causa della pioggia e delle temperature che sono risalite sopra lo zero quasi ovunque, anche in quota (raggiungendo anche picchi anomali in pianura: stamattina a Cattolica c'erano 18 gradi) sono i due principali.

Fiumi Secchia e Panaro

Secondo il monitoraggio in tempo reale dell'Arpa Emilia-Romagna, a destare particolare allarme, dunque, c'è il fiume Secchia: a Ponte Veggia ha superato il livello rosso; a Ponte Alto – alle porte di Modena – ha sfondato l'allerta arancione con una piena di 8,60 metri ed è ancora in crescita. Sempre nel Modena e provincia è alto anche il Panaro, sopra la soglia arancione in quasi tutte le stazioni della Bassa modenese. A Navicello è a 8,5 metri in crescita. 

Un intervento dei vigili del fuoco

Fiume Enza

Preoccupa anche l'Enza nel Reggiano: l'acqua è sopra la soglia gialla in quasi tutto il letto del fiume: a Sorbolo ha sfiorato quella arancione (10 metri) prima di tornare leggermente a scendere intorno ai 9.

Fiume Reno

Alto anche il livello del fiume Reno, che attraversa la provincia di Bologna: parte alto già a Porretta, dove è appena sopra l'allerta gialla con 10 metri. Alla chiusa di Casalecchio è arrivato poco sotto l'allerta arancione ma sta già scendendo.

A Sant'Agata il livello del Santerno è cresciuto di 6,5 metri (Scardovi)

Fiume Santerno

A Sant’Agata sul Santerno (Ravenna), ad esempio, il livello del fiume dalle 4 di questa mattina alle 17 è aumentato di circa 6 metri e mezzo, mentre a San Bernardino l’incremento (dalle 7 alle 17) è stato di circa 5.70 metri. Da metà pomeriggio si sta registrando, in questo caso nel cotignolese, un sia pur lieve innalzamento del livello del torrente Senio. A livello termico, nella provincia di Ravenna, oggi spicca una massima di 16.2 gradi a Gambellara, seguita dai 15.8 gradi di Roncalceci e dai 15.6 gradi di Marina di Ravenna. La raffica di vento più intensa in provincia di Ravenna dalla mezzanotte fino alle 18 di oggi è stata registrata a Monteromano di Brisighella con 85.3 chilometri orari, seguita da Porto Corsini con 69.2 km/h e da Bizzuno con 50 km/h.

Romagna

In Romagna sono alti sia il Rabbi sia il Ronco. Il Marecchia a Ponte Verrucchio è arrivato praticamente a livello rosso con un livello di 1,65 alle 10,15 di stamattina e, anche se scendendo rapidamente, resta ampiamente in zona arancione.

Criticità nel Bolognese

A Sasso Marconi in Via Sagittario è esondato il Canale del Maglio. L'acqua ha invaso la via e minacciava alcune installazioni industriali della zona. Sul posto, il personale del 115 con il funzionario di servizio, hanno allertato l'azienda proprietaria del canale per abbassare il livello dell'acqua. A scopo precauzionale via Sagittario è rimasta chiusa al traffico ed è stata evacuata una persona dalla sua abitazione.

I vigili del fuoco sono intervenuti a Imola in via Sbago, presso gli impianti della turbina idroelettrica della zona per allagamenti. Si sono allagati alcuni spazi (in totale circa 30 mq) vicino i quadri elettrici (che non sono stati, fortunatamente, interessati dall'acqua). I vigili del fuoco hanno svuotato l'impianto con pompe ad immersione, l'acqua ha raggiunto l'altezza di un metro. Sul posto anche il personale tecnico dell'azienda proprietaria della turbina. Nessun ferito. 

A Castiglione dei Pepoli è volata parte della copertura in lamiera del palazzetto dello sport in piazza del Mercato. A causa del forte vento alcune lamiere si erano staccate ed erano volate nel vicino parcheggio. Alle 16 circa i vigili del fuoco sono intervenuti con una squadra e l'autoscala per la rimozione delle lamiere. Fortunatamente nessun danno e nessun ferito. I vigili del fuoco hanno, dunque, rimosso le parti pericolanti e posto in sicurezza la zona. Presenti anche la polizia locale e i carabinieri di Castiglione. Allagamento in serata a San Benedetto Val di Sambro, via Cedrecchia. I vigili del fuoco sono intervenuti con le motopompe.

A Lizzano Belvedere in serata, allagamenti e una modesta frana ha ostruito un fosso: l'acqua è tracimata fuori sulla strada (Località via del Molinetto).

 

Priolo: "Sala operativa regionale aperta h24"

“La sala operativa regionale è aperta h24- sottolinea l’assessore regionale alla Protezione civile, Irene Priolo- in raccordo con i servizi territoriali dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile (Centro Operativo Regionale), e sono aperte le sale operative dei servizi territoriali di Bologna, Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza. Attivi anche i servizi territoriali della Romagna. Voglio ringraziare gli operatori al lavoro e i volontari impegnati nel territorio- chiude Priolo- una squadra che soprattutto in queste circostanze dimostra grande professionalità e una disponibilità senza pari”.

Con l’Agenzia territoriale per la sicurezza e la protezione civile, stanno collaborando infatti volontari per monitorare i fiumi, con 3 squadre impegnate su Modena, Campogalliano e nella zona di Comacchio.