Da sinistra: da sinistra a destra Lepore, Accorsi, Bonaccini, Corsini
Da sinistra: da sinistra a destra Lepore, Accorsi, Bonaccini, Corsini

Bologna, 15 lugglio 2020 - L'attore emiliano Stefano Accorsi sarà ambasciatore, nei prossimi tre anni, dell'offerta di arte e cultura della Regione - a cui dedicherà anche un video documentario per il grande schermo- nonché del turismo legato ai luoghi dei celebri registi emiliano-romagnoli, da Federico Fellini a Michelangelo Antonioni, da Bernardo Bertolucci a Pier Paolo Pasolini. A illustrare i dettagli della nuova campagna promozionale, in una conferenza stampa Stefano Accorsi, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, l'assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini, e il coordinatore della Destinazione Turistica Bologna con Modena, l'assessore del Comune di Bologna Matteo Lepore.

"Ci tengo a ringraziare per questo progetto, non è così scontato che si attuino progetti di questo tipo - ha spiegato Accorsi, intervenendo nell'Auditorium della Regione -. La possibilità di raccontare una parte così importante e il cinema che è stato e sarà è fondamentale: non c'è niente di così cangiante come il cinema".

"Raccontare la propria terra - prosegue - è una grande opportunità che ho potuto cogliere già con alcuni miei film come 'Radio Freccia' o 'Jack Frusciante è uscito dal gruppo'. E' diverso poter attingere alle proprie radici. E come recitare nella propria lingua".

"Per me - ha detto ancora l'attore - raccontare la mia terra e portare un po' di cinema contemporaneo qui è una grande occasione che accende la fantasia". Accorsi ha parlato, poi, dell'Emilia-Romagna."La voglia di collaborare e fare squadra della nostra regione non è così scontata. E' una regione piena di eccellenze e primati che forse non si conoscono abbastanza. Tutte cose che meritano di essere raccontate". 



Bonaccini e Corsini: "Così valorizziamo i nostri territori"

"Oltre alla Riviera - proseguono Bonaccini-Corsini -, con lui, attore di fama internazionale, vogliamo valorizzare le nostre città d’arte, monumenti e scorci splendidi, luoghi molto spesso legati alla storia del cinema grazie a registi come Fellini, Antonioni, Bertolucci e Pasolini, che Accorsi contribuirà a svelare e narrare: quindi arte, cultura, luoghi noti così come spazi dell’entroterra spesso lontano dagli itinerari più battuti, ma che sempre di più richiamano qui visitatori e appassionati da ogni parte”.

“Vogliamo quindi riprendere il filo di un lavoro di valorizzazione dei territori - chiudono presidente e assessore -, a partire dalle città d’arte e dal nostro patrimonio artistico e culturale, che prima della pandemia ci aveva portato a numeri record in termini di presenze e arrivi e che non intendiamo disperdere, ma continuare a sostenere e rilanciare con risorse e progetti mirati. Siamo certi che Stefano Accorsi possa essere uno splendido ambasciatore della bellezza dell’Emilia-Romagna, in Italia e non solo”.