Quotidiano Nazionale logo
30 dic 2021

Super Green Pass: dal lavoro ai trasporti. Cosa cambia dal 10 gennaio

Il nuovo decreto del Governo ha deciso un'estensione dell'utilizzo della carta verde per numerose attività. Ecco dove sarà indispensabile averla. Capienza stadi al 50%

Bologna, 30 dicembre 2021 - Super Green Pass: verrà ulteriormente estesa la misura anti-Covid dopo le ultime decisioni del Governo. Il Cdm si è riunito ieri sera (dopo il Cts e la Cabina di regia) e ha deliberato un nuovo decreto sulle misure di contenimento della pandemia da Coronavirus. Che riguarda le nuove regole della quarantena per i vaccinati (dopo un contatto con un positivo) e alcune modifiche al certificato verde rafforzato, che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione.

Covid e scuola, il rientro in classe è un rebus - Tampone fai da te: come si faTerza dose e contatto stretto con positivo: cosa cambia

Super Green Pass: cosa cambia dal 10 gennaio 2022
Super Green Pass: cosa cambia dal 10 gennaio 2022

Super Green Pass: anche per i trasporti. Cosa cambia dal 10 gennaio

Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza (31 marzo 2022) verrà ampliato l'uso del Green Pass rafforzato alle seguenti attività: alberghi e strutture ricettive; feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose; sagre e fiere; centri congressi; servizi di ristorazione all'aperto; impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se in comprensori sciistici; piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all'aperto; centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all'aperto. Inoltre il Green Pass rafforzato è necessario per l'accesso e l'utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.

Covid, Sambri: "Facciamo troppi tamponi, il sistema così non regge" - Emilia Romagna, il bollettino Covid del 30 dicembre

Stadi: Super Green pass e capienza al 50%

Il giro di vite del Governo arriva tre mesi dopo l'apertura di ottobre (al 75% in quelli all'aperto) che aveva allargato le presenze negli impianti sportivi. Il massimo livello di riempimento degli stadi torna a essere il 50% con disposizione a scacchiera. Gli impianti sportivi al chiuso, potranno arrivare al 35%. Per tutti gli spettatori è confermato l'obbligo di green pass rafforzato (da vaccino o guarigione da meno di sei mesi) e di indossare la mascherina FFp2. Inoltre sarà vietato consumare cibo e bevande in tutti gli impianti, al chiuso e all'aperto.

Super Green Pass e lavoro

Se il Super Green Pass è stato ampliato a tantissime attività della nostra quotidianità, non c'è stata invece l'estensione al mondo del lavoro, come invece chiedevano a gran voce i Governatori di regione e il Cts. Restano quindi le misure che c'erano in precedenza, ovvero l’obbligo vaccinale esclusivo a carico di sanitari, occupati nelle Rsa, forze dell’ordine e personale scolastico. Il Green pass rafforzato esteso ad altre tipologie di lavoratori era una carta che il Governo aveva messo sul tavolo e avrebbe riguardato una platea di circa 25 milioni di lavoratori. Ma l'opposizione (per motivi differenti) della Lega e del Movimento Cinque Stelle ha frenato l'iniziativa. Draghi ha preso atto della divisione della maggioranza e ha congelato il cambio di passo sui lavoratori. Sarà un nuovo Cdm a rivalutare la situazione.

Il presidente della Liguria, Giovanni Toti, è insoddisfatto dalla scelta del governo di non estendere il super Green pass agli uffici. "Il governo ci ha ascoltato sulla quarantena accorciata per non bloccare il Paese - dichiara in un'intervista al 'Corriere della Sera' - resta una timidezza sull'estensione del Green pass rafforzato ad altre categorie, come il mondo del lavoro pubblico e privato, che non comprendo". Sulla resistenza dei ministri leghisti, Toti afferma che "la Lega nella Conferenza delle Regioni era sulle nostre stesse posizioni. Fedriga che la presiede era per allargare l'area del Green pass rafforzato. Così Zaia". Il vaccino deve diventare per il presidente della Liguria "il gold standard per lavorare e avere una vita normale". Il governatore è per l'obbligo vaccinale. "Non è più il momento del tampone, è il momento del vaccino", perché "il sistema non è in grado di reggere un milione di tamponi al giorno".

Super Green pass: come si ottiene

Che differenza c'è tra Green Pass base e Super Green Pass? Il Green Pass base si ottiene con la vaccinazione anti-Covid, la guarigione dall’infezione o l’effettuazione di un tampone rapido (48 ore prima) o molecolare (72 ore prima). Il Super Green Pass (o Green Pass rafforzato), invece, si può avere solo con la vaccinazione o la guarigione dalla malattia. Quindi viene escluso il test antigenico rapido o molecolare.

Perciò non si tratta di una nuova certificazione. Se una persona è vaccinata o guarita dal Covid (da meno di sei mesi) non serve scaricare un nuovo documento, basterà presentare agli addetti alle verifiche il Green Pass da vaccinazione o da guarigione in corso di validità. Se è stata fatta una dose di richiamo (booster) di vaccino, verrà emessa una nuova certificazione verde e verrà inviato via sms o email un messaggio con un nuovo codice Authcode per scaricarla. 

Ricevi l'informazione di qualità direttamente a casa tua con le nostre testate. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?