Tempo libero, Rimini al top nell'indagine del 'Sole' (foto Dire)
Tempo libero, Rimini al top nell'indagine del 'Sole' (foto Dire)

Rimini, 19 agosto 2019 - Qual è la provincia italiana dove il tempo libero dei cittadini è migliore? Rimini. A scattare questa fotografia è la classifica pubblicata sul Sole 24 Ore di oggi che analizza la situazione nelle 107 province del nostro paese attraverso 12 indicatori che rilevano l'offerta culturale, i servizi e l'attrattività turistica dei territori. Sul podio la classifica, dopo Rimini, mette Firenze e Venezia. 

Rimini viene premiata da una serie di indicatori: si posiziona in cima alla classifica per capacità di attirare turisti sul territorio (presenze per kmq); è seconda per spesa pro capite in spettacoli culturali; quarta per incidenza di librerie ogni 100mila abitanti; sesta per numero di rappresentazioni teatrali realizzate nel 2018 ogni mille abitanti.

"Negli ultimi anni Rimini ha scelto di cambiare pelle e di investire per diventare una meta turistica e attrattiva dodici mesi all'anno, proponendosi non solo e non più come meta balneare, comunque al vertice nel Paese per numero di presenze e arrivi, ma come luogo dove trovare l'essenza dell'italian lifestyle". Così il sindaco Andrea Gnassi commenta l'indagine del Sole 24 Ore.

"I turisti - aggiunge il sindaco Gnassi - oggi vogliono fare esperienze e cercano ciò che da sempre rende il nostro Paese una delle mete più sognate e desiderate: la capacità di vivere a pieno il tempo libero, la bellezza dei nostri territori, il giacimento di arte e cultura unico al mondo. Un asset, quello della valorizzazione dell'italian lifestyle, che è il motore degli investimenti dell'ultimo anno e che sara' al centro del nostro sviluppo anche per il futuro".

"Il 2020 - ricorda ancora il sindaco di Rimini - sarà l'anno del Museo internazionale dedicato a Federico Fellini, un Maestro del cinema simbolo dell'Italia nel mondo: sarà un'occasione per celebrare il regista riminese nel centenario della sua nascita e un'opportunita' preziosa per accrescere la nostra attrattività e per promuovere questo nuovo volto di Rimini. L'ambizione - conclude - è quella di rilanciare il mood della Dolce Vita quale asset vero di sviluppo, ricchezza, occupazione".