Ancona, 13 febbraio 2021 - Al telefono o al pc: la seconda via ieri risultava la più fruibile. Il numero verde infatti già dai primi minuti era ‘intasato’. Oltre alla piattaforma online, è possibile, armandosi di pazienza, prenotarsi attraverso un call center (numero verde 800.009.966) attivo da lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 (esclusi sabato e festivi).

AGGIORNAMENTO Vaccino: oltre 50mila prenotazioni nelle Marche. Loreto in lockdown

Una volta presa la linea è necessario inserire il codice relativo alla propria regione: nel nostro caso il 110. In alcuni Comuni, come a Castelfidardo, si può prenotare anche attraverso i medici di famiglia, non ad esempio a Jesi dove non si sarebbe raggiunto l’accordo economico con gli stessi professionisti. I cittadini marchigiani con più di 80 anni (circa 133 mila, di cui 9mila ospiti delle Rsa), possono accedere al form: prenotazioni.vaccinicovid.gov.it che è raggiungibile anche attraverso il link della Regione Marche www.regione.marche.it/Entra-in-Regione/Vaccinazioni-over-80.

Marche confermate in zona gialla, Acquaroli rimanda a lunedì nuove restrizioni

Una volta qui, attendendo al massimo pochi minuti, si potrà inserire il numero di tessera sanitaria e il codice fiscale. Inseriti correttamente tutti i dati personali si potrà scegliere il centro vaccinale e il giorno e l’orario tra quelli disponibili. Già ieri pomeriggio dopo appena un paio d’ore da quando sono state aperte le prenotazioni la data disponibile per la maggior parte dei Comuni arrivava ai primi di marzo. Un sistema quello del portale utilizzato dai più ieri pomeriggio, grazie all’aiuto di figli o familiari che hanno maggiore dimestichezza con il computer e la tecnologia. Alle 18,30 di ieri pomeriggio oltre 31.100 le prenotazioni effettuate di cui 30.761 confermate e 3.532 fissate solo nel primo giorno in cui saranno somministrate le dosi (il 20 febbraio).

Le Marche sono la seconda regione d’Italia ad aver avviato il sistema di prenotazione online del vaccino anti Covid, predisposto dalla Struttura commissariale nazionale per l’emergenza pandemica e realizzato da Poste Italiane da cui fanno sapere: "La piattaforma ha funzionato correttamente e la procedura non ha subito intoppi particolari". Un’operazione non semplice: nei giorni scorsi i tecnici informatici dell’assessorato regionale della Salute hanno completato il processo di allineamento delle informazioni (tra punti vaccinali negli ospedali, disponibilità vaccini e popolazione marchigiana) con la banca dati di Poste Italiane per consentire la predisposizione degli slot di prenotazione. La piattaforma è anche uno strumento in grado di supportare l’attività dei Centri vaccinali attraverso una ‘dashboard’: un sistema di visualizzazione e di monitoraggio dei dati, e un help desk dedicato agli operatori dei Centri, offrendo assistenza anche nelle attività di stoccaggio e distribuzione di questi farmaci. Ad oggi nelle Marche, secondo i dati ministeriali, sono stati 62.463 le dosi somministrate su 76.780 arrivate nelle Marche.