Quotidiano Nazionale logo
10 dic 2021

Vaccino Covid Novavax e Valneva: quando arrivano in Italia

Il primo dovrebbe essere approvato entro dicembre, il secondo si basa sul virus inattivato. Entrambi potrebbero convincere almeno una parte dei No Vax

Bologna, 9 dicembre 2021 - Sono in arrivo nuove armi contro il Covid: entro dicembre l'Ema dovrebbe dare l'ok al vaccino made in Usa Novavax, mentre è in coda lo studio del vaccino austro-francese Valneva. Il parere dell'Agenzia europea dei medicinali Ema sul Novavax "è attesa a dicembre, tra il 16 e il 20", spiega il direttore generale Aifa, Nicola Magrini, in audizione in commissione Sanità del Senato.

Approfondisci:

Terza dose, Burioni risponde alle domande più comuni

Approfondisci:

Vaccino bambini da 5 a 11 anni: i consigli dell'Iss e le 5 fake news da sfatare

Approfondisci:

Terza dose: quando farla e quando fa effetto

Approfondisci:

Mortalità covid Italia: in calo di 40mila sul picco del 2021

Il Novavax, in particolare, potrebbe non dispiacere ai No Vax - o almeno a chi non si è ancora vaccinato per paura, più che per ideologia - perché è basato su una tecnologia  "antica", e quindi super testata e più accettata dagli scettici, che sfrutta la tecnica delle proteine ricombinanti. Ma anche il Valneva potrebbe andare a genio ai più timorosi, perché utilizza la tecnica del virus inattivato, o ucciso. Tutte informazioni preziose, visto che tra pochissimo, il 15 dicembre, scatta l'obbligo vaccinale per nuove categorie di lavoratori, compresi gli insegnanti e le forze dell'ordine.

Si tratta comunque di due sieri diversi rispetto a quelli di Pfizer/Biontech e Moderna (a mRNa) che vengono usati per le terze dosi e a quelli di Astrazeneca a Johnson&Johnson (a vettore virale). Oltretutto il Novovax potrebbe risolvere il problema della vaccinazione nei Paesi più poveri perché ha un costo contenuto e si può conservare in frigorifero.

Approfondisci:

Green pass e terza dose: quando arriva e quanto dura

Perché Novavax piace ai no vax 

Il "Nuvaxovid" (nome commerciale del vaccino di Novovax) utilizza quindi le proteine ricombinanti, in uso da tempo contro malattie come la pertosse. Quindi non c'entra nulla con la nuova tecnologia a Rna messaggero, invisa alla maggior parte dei contrari al vaccino. In pratica, le molecole sono in grado di assemblarsi per formare particelle simil-virali sulla base delle quali l’organismo produce la sua risposta immunitaria, scatenando la formazione di anticorpi.

Il preparato promette bene perché stando all'azienda l'efficacia è intorno al 90%. Da un’altra indagine, condotta negli Stati Uniti e in Messico, risulta il 100% di protezione contro la malattia moderata e grave e il 90,4% di efficacia totale.

Sergio Abrignani, membro del Comitato Tecnico Scientifico (Cts) e Ordinario di Patologia generale all’Università Statale di Milano, spiega come funziona parlando al Corriere: "È una tecnica utilizzata da più di trent’anni: ha permesso di produrre vaccini oggi usati anche per proteggere i neonati, senza il rischio di effetti collaterali di rilievo: sono quelli contro l’epatite B, il meningococco B, l’herpes zoster e l’Hpv. Può rappresentare un’arma importante verso indecisi e timorosi", sottolinea l'esperto.

Approfondisci:

"Ho i sintomi del Covid, cosa devo fare?"

Il vaccino di Valneva a virus inattivato

Dal canto suo anche il vaccino di Valneva è piuttosto diverso dai preparati finora utilizzati contro la pandemia: infatti si basa sul virus inattivato, che  stimola la risposta immunitaria. E anche qui si tratterebbe di una tecnologià meno temuta da molti scettici.

In pratica, diversamente dagli altri quattro vaccini già autorizzati (due a mRna e due a vettore virale), Valneva contiene il virus Sars-CoV-2 'ucciso', che come tale non può causare la malattia, e contiene anche due 'adiuvanti', sostanze che aiutano a rafforzare la risposta immunitaria al vaccino.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?