Ancona, 11 marzo 2021 - La campagna vaccinale è partita male. Gli errori sono collettivi: dall’Europa si passa al livello governativo e si arriva fino alla regione. All’assessore Saltamartini non sono state risparmiate critiche. Ma lui risponde sempre con i dati del ministero: "Le Marche figurano tra le Regioni più produttive nella somministrazione. Abbiamo una potenza di inoculazione che ancora non può essere sfruttata per mancanza di vaccini".

Nuovo Dpcm marzo 2021, venerdì si decide: Draghi valuta una stretta nel weekend - Mascherine Ffp2 non a norma: ecco come riconoscerle. Il caso 2163 - Covid, una seconda volta è possibile. "Monitoriamo gli anticorpi"

I numeri dei vaccini covid nelle Marche

L’assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini, riporta la tabella sull’andamento della campagna vaccinale pubblicata sul sito del Governo: con 151.055 dosi somministrare su 176.810 dosi consegnate le Marche raggiungono una percentuale dell’85,4%, oltre la media nazionale che è del 79,7%. Le Marche sono seste in Italia. "È aumentato il numero delle persone estremamente fragili vaccinate negli ospedali in quanto presi in carico in ragione delle loro patologie (dializzati, trapiantati o in attesa). Il numero di queste persone è pari a circa 117.757, mentre il target complessivo delle persone che devono essere vaccinate in ragione delle patologie, indipendentemente dall’età, è di circa 271.624 unità", dice Saltamartini.

Lo scatto è previsto da aprile. Se a marzo è prevista una fornitura di Pfizer e Moderna di 101.436 dosi, si dovrà’ attendere aprile/maggio per vaccinare questa ampia fascia della popolazione fragile. "Le dosi consegnate a marzo serviranno per coprire – conclude la regione – una parte delle persone con più di 80 anni (133.000) e una parte degli estremamente vulnerabili".

I numeri di partenza dei vaccini testimoniano della complessità di gestione. "Il ministro Speranza ci ha detto che nel mese di marzo avremo la stessa quantità di dosi che abbiamo avuto a dicembre, gennaio e febbraio. E da aprile si parla di un numero di dosi molto importante". Sostiene il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli. Nel frattempo l’Asur dovrà resistere nell’utilizzo di Pfizer e Moderna con a disposizione numeri limitati. 

Si cercherà di utilizzare per il personale scolastico e per le altre categorie per le quali si è avviata l’inoculazione nei giorni scorsi (forze armate e personale amministativo della Sanità). Il vero cambio di passo si farà con la distribuzione dei vaccini ai medici di famiglia e con l’attivazione dell’accordo appena siglato. Alcuni giorni ancora per una formazione digitale dei medici di base e poi si partirà con massima attenzione per anziani over 80 e fragili.

"Noi volevamo partire dal 15 di marzo – sottolinea Filippo Saltamartini – ma ancora non abbiamo abbastanza dosi. Saranno i medici di base a scegliere come gestire AstraZeneca per i fragili". Nel contempo arriverà la firma per il coinvolgimento delle associazioni di categoria e delle aziende per arrivare entro aprile ad avere una potenza di fuoco decisamente superiore rispetto ai 15 centri vaccinali di partenza. Le vaccinazioni ai sanitari a livello regionale hanno superato il 93 per cento.

Mentre il gruppo regionale del Pd chiede che la regione spinga per avere la obbligatorietà per legge. A Pesaro, ad esempio, lavora forte Marche Nord che ha creato uno staff apposito per la vaccinazione prima dei suoi sanitari, poi di quelli dell’Asur infine delle categorie protette e dei fragili. superati i seimila vaccinati, utilizzando il presidio di Muraglia.

Ma mancano dati ufficiali per dire che si tratta di un vero e proprio record regionale a livello ospedaliero. Diciamo che è un altro risultato oltremodo positivo della direzione di Maria Capalbo dopo l’attivazione anticipata delle nuove terapie intensive.