Venezia, 25 Marzo 2021 - Il Veneto registra un aumento del 2,2% dei nuovi casi di coronavirus nella settimana tra il 17 e il 23 marzo e un peggioramento dell'indicatore dei casi attualmente positivi (801) per 100mila abitanti. Lo riferisce il monitoraggio della Fondazione Gimbe. Quindi è in bilico tra la zona arancione e quella rossa. Il verdetto sul cambio dei colori arriverà dopo la consueta analisi sul monitoraggio settimanale dei dati Covid delle regioni, effettuato dal Ministero della Salute. 

Pasqua e nuovi colori: le regioni che rischiano il rosso. Il nodo della riapertura della scuola - Gimbe: "Nuovi casi Covid in calo, ma è allarme per ricoveri e terapie intensive" - In Veneto parte la vaccinazione per classe di età

La regione presenta invece un tasso sotto soglia al 25 per cento dei posti letto occupati in area medica e del 24 per cento in terapia intensiva. Sotto la media nazionale (al 4,4 per cento) la percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale, pari al 4,3 per cento, mentre è superiore a quella italiana quella degli over 80 che finora hanno avuto accesso al vaccino: il 19,3 per cento ha già completato il ciclo di somministrazioni, il 25,6 per cento ha ricevuto una sola dose di antidoto. In chiave generale, Gimbe sottolinea come vi sia una evidente correlazione tra variazione percentuale dei nuovi casi e il colore delle regioni di tre settimane fa: nella maggior parte delle regioni che erano in zona rossa o arancione, o avevano attuato rigorose restrizioni, la variazione percentuale dei nuovi casi è in riduzione. Viceversa, osserva Gimbe, lo stesso dato è in aumento in Calabria, Lazio, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Valle d'Aosta e Veneto che tre settimane fa erano in area gialla o bianca.

image

Rt Veneto sotto l'1,25

“L'Rt - afferma il Governatore Zaia - è ora di qualche decimo sotto a 1,25, quindi 1,21 e 1,22. Il Veneto ha somministrato finora 685093 dosi di vaccino anti-Covid, 22978 nella sola giornata di ieri. Stiamo crescendo, anche se con non poche difficoltà. Uno dei vantaggi conquistati rispetto alla seconda ondata del virus è che sono stati già vaccinati tutti i dipendenti degli ospedali, il che impedirà che sorgano ancora cluster di contagio nelle strutture sanitarie. Nella regione sono attivi 58 punti vaccinali, nei quali tra breve potranno scendere in campo anche i 1300 specializzandi degli ospedali con i quali è stato raggiunto un accordo, così come per i medici di base”.

Bollettino Covid Veneto 25 marzo

Scendono i nuovi positivi al Covid-19 in Veneto, oggi sono +1861 mentre ieri erano +2042 (totale 373405). Crescono gli attualmente positivi, oggi sono 39183 (+55). Diminuiscono i nuovi decessi: oggi sono +25, mentre ieri erano +28 (totale 10467). Crescono i ricoveri causati dal coronavirus in Veneto, oggi sono 2092 (+33). 1815 persone sono in area non critica (+23), 277 in terapia intensiva (+10).