Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
15 lug 2022

West Nile e Dengue: sintomi, trasmissione e come difendersi

Dopo i casi di Modena, parla il dottor Casaletti, direttore del Servizio Igiene pubblica. Ecco come i cittadini possono proteggersi

15 lug 2022
valentina reggiani
Cronaca
featured image
West Nile e Dengue, il virus viaggia con le zanzare
featured image
West Nile e Dengue, il virus viaggia con le zanzare

Modena, 15 luglio 2022 - Non sono critiche le condizioni del 75enne affetto da West Nile; il primo caso di malattia da virus West Nile registrato a Modena. L'anziano è ricoverato in Neurologia all’ospedale di Baggiovara. Giovedì sera, intanto, è stato effettuato il primo di tre interventi di disinfestazione previsto in seguito alla manifestazione, nella zona di Albareto, di due casi accertati di Dengue, virus trasmesso da zanzare del genere Aedes, la cosiddetta zanzara tigre. Si tratta di persone conviventi rientrate dall’estero. Il dottor Giovanni Casaletti, direttore del Servizio Igiene pubblica spiega quali sono i rischi legati alla puntura di zanzara e le misure di prevenzione. In che modo una persona si può accorgere di aver contratto un virus di questo genere? 'Spesso non ci si rende conto di essere stati infettati poichè il virus del West Nile non causa sintomi particolari. In alcuni casi possono esserci disturbi febbrili, simil influenzale quindi confondibili anche con banali patologie. In rarissimi casi possono esserci sintomi neurologici. In questo periodo estivo diventa di routine quando ci si trova di fronte a sintomi neurologici di tipo neuro meningitico fare vari accertamenti, anche test sierologici o del liquor come nel caso del paziente ora ricoverato. Dal Sant'Orsola sono poi arrivate celermente le risposte". Come si trasmette la West Nile? "La west Nile è veicolata dalle zanzare comuni che a loro volta si possono infettare pungendo uccelli migratori che si sono contagiati specialmente nelle zone settentrionali dell'Africa dove svernano durante il periodo più freddo. Nell'uomo ma anche nel cavallo la carica virale nel sangue non è mai tale da infettare altre zanzare: l'uomo viene definito un ospite a fondo cieco. Una persona non costituisce quindi un rischio per il resto della popolazione. La nostra Regione ha attivato fin dal mese di maggio una rete di monitoraggio ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?