Bologna, 25 marzo 2021 – I toelettatori sorridono in Emilia Romagna: da domani, 26 marzo, potranno riprendere la loro attività. Ieri la protesta davanti alla sede della Regione, a Bologna, per chiedere di riaprire in sicurezza. Oggi la decisione con un’ordinanza firmata dal presidente Stefano Bonaccini, che regola i servizi di cura degli animali da compagnia (identificati dal codice Ateco 96.09.04), non espressamente sospesi dal Dpcm a differenza di quelli alla persona, fissando le dovute limitazioni.

Emilia Romagna, la zona rossa continua: ospedali sotto stress

Potranno infatti farlo solo previo appuntamento e con autodichiarazione da parte del proprietario che l’animale non convive con persone poste in quarantena o affette da Covid-19.

L’ordinanza stabilisce inoltre che l’attività possa svolgersi esclusivamente con modalità che non prevedano l’ingresso dei clienti nei locali dell’esercizio, limitando all’essenziale i contatti tra addetti e clienti e utilizzando i mezzi di protezione personale anche durante i contatti con l’animale.

Va sempre garantito il distanziamento sociale. Il provvedimento è in vigore da domani 26 marzo 2021 e fino al termine della dichiarazione di stato di emergenza nazionale fissato dal Governo ogni qualvolta l’Emilia-Romagna venga classificata come zona rossa, dove si trova in questo momento.

L'ordinanza regionale in Pdf