FRANCESCO
Cultura e spettacoli

Il cappello con visiera e adesivo

L'articolo esplora l'importanza e la storia del cappello come accessorio estivo, focalizzandosi sul 'trucker hat' e il suo adesivo distintivo. Si sottolinea il valore estetico e funzionale di questo indumento, paragonandolo all'ombrellone in spiaggia e suggerendo di godersi il momento con una lettura rilassante.

Il cappello con visiera e adesivo

Il cappello con visiera e adesivo

Pierucci

Iconico. Di status. Utile. E a volte anche inutile. Cosa è? Il cappello, uno dei protagonisti dell’estate nelle sue mille sfumature: dalla bandana al Panama. Ognuna con una storia affascinante. Oggi vi racconto quella del ’trucker hat’, il modello simil baseball con la parte posteriore spesso retata ma che ha una particolarità che lo distingue: l’adesivo sulla visiera. A lato, sulla destra. Perché? Essendo nato per i lavoratori, sopratutto camionisti e meccanici, che spesso avevano le mani sporche, questo serviva per non imbrattarlo ad ogni singola presa. Poi l’adesivo è diventato moda, un vero dettaglio di stile. Quindi attenti. Un cappello in alcuni casi ci abbellisce e sempre ci protegge come l’ombrellone in spiaggia. Proprio sotto l’ombrellone sarebbe bello fermare il tempo per goderci il momento. Come? Come una lettura da godere e assaporare con intensità e calma come ‘L’eleganza del riccio’ di Muriel Barbery. E se in questi giorni il clima estivo è molto raro, almeno indossiamolo con un’essenza al cedro e vaniglia.