Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Commento

Fuochi d'artificio

di ANDREA FONTANA - Per "far riflettere due volte chi minaccia il nostro Paese", un Putin sempre più gonfio (non d'orgoglio, proprio gonfio in faccia) ha fatto lanciare a scopo dimostrativo la sua arma-fine-di-mondo, cioè il missile Sarmat. E tutti si pongono il classico interrogativo: è una prova di forza o di debolezza? E' il tentativo di un despota in difficoltà di ristabilire la sua traballante immagine di efficienza militare? Sui social, la fanfara dei troll russi è stata mobilitata per magnificare il missile, rilanciando in tutte le lingue parole d'ordine come "non ha uguali al mondo", "non può essere intercettato", "è in grado di colpire qualunque punto del pianeta". Andiamo dunque a vedere, facendoci aiutare dal sito specialistico opex360.com, cos'è il Sarmat, o RS-28: un ordigno ipersonico di 200 tonnellate, che può portare 10 testate atomiche a 18mila km di distanza in circa un'ora. Sia chiaro, l'arma è tremenda. Ma che sia una novità, non si può dire. Primo, perché nel 2018 Putin aveva annunciato che il Sarmat sarebbe entrato in servizio nel 2020; quindi semmai è in ritardo, ancora a livello di primo test, ed è lecito chiedersi perché lo zar lo spari solo ora che è nelle peste in Ucraina. Secondo, perché l'idea alla base di tutto è, manco a dirlo, sovietica: prevedeva di fare viaggiare un missile nucleare in orbita bassa, al fine di sventare la sorveglianza dei radar. "Planando" sugli strati superiori dell'atmosfera, l'ordigno avrebbe seguito una traiettoria imprevedibile rispetto a quella, parabolica, dei missili balistici tradizionali. L'Urss abbandonò il programma nel 1983, con la firma del SALT2, e l'idea è stata recuperata da Putin. Anche dai cinesi, però. Che già nell'agosto 2021, a sorpresa, hanno testato un aliante ipersonico nucleare, lanciato in orbita bassa da un missile, che ha compiuto il giro della Terra prima di raggiungere un bersaglio: mancandolo, tuttavia, di 35 chilometri. Come si vede, le dichiarazioni di Putin sul Sarmat ("Un'arma unica senza equivalenti al mondo per lungo tempo") vanno prese con cautela. Siamo ancora ai test. Utili, in questo momento, a fare la voce grossa.

© Riproduzione riservata