Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 giu 2022
Commento

Il fumo del futuro

di MATTEO NACCARI - Philip Morris, multinazionale del tabacco, continua a investire in Emilia. A Bologna, dove ha il proprio quartier generale, dedicato alla produzione di prodotti senza combustione, ha appena inaugurato un mega polo di formazione. In questo tassello di un mosaico che prevede altri 600 milioni di euro di investìmenti - cifra mostruosa di questi tempi - tutti i lavoratori della filiera saranno formati su Industria 4.0, dopodiché partirà una scuola di alta formazione per i neolaureati e altre iniziative per allevare giovani talenti del settore del tabacco. Coinvolgendo appunto tutte le aziende, dai fornitori di materiali a quelli di apparecchiature. La formazione spazierà in diversi ambiti dalla lavorazione del tabacco al risparmio energetico alla produzione 4.0 con l'ambizione di preparare tantissime figure all'industria del domani. È un patrimonio da tenere stretto perché sono sicuramente poche le aziende che puntano massicciamente su un territorio cercando di generare benefici che a tutto tondo tocchino anche altre aziende. La formazione è uno dei nostri talloni d'Achille e questa mossa della Philip Morris dimostra come purtroppo da parte del pubblico ci sia ancora tanta strada da fare. Il messaggio è chiaro: voi, istituzioni, non ci date il personale formato e preparato, allora lo alleviamo da soli. Da parte di Regione e Comune sono arrivati sorrisi e messaggi di complimenti. Ci sta, nei confronti di chi investe. Ora però spazio all'autocritica: qui qualcuno ha fatto da solo perché non aveva alternative. C'è poco da festeggiare. 

© Riproduzione riservata