Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
28 apr 2022
Commento

Realtà da ibrido

di ANDREA FONTANA - Quando era all'Eliseo, l'ex presidente francese Sarkozy mise mano all'ammodernamento delle forze armate affermando che "i francesi devono decidere se vogliono la pace o se vogliono starsene in pace; nel secondo caso, sarà la guerra a venire da loro". Ora che la guerra è entrata davvero nell'orizzonte di questo continente abusato dall'indifferenza, e che metà degli Stati della Nato (non noi) sta cercando in fretta e furia di comprare aerei e blindati di ultima generazione, tocca guardare alla realtà. Lo ha fatto il segretario dell'Onu António Guterres, che, dopo essersi prestato allo show inscenato dallo zar, ha pragmaticamente riassunto: solo Putin può interrompere l'incubo e Putin non vuole farlo. Esiste certamente a Mosca un partito fortemente perplesso o contrario a questa avventura militare. Non si tratta di un'ala moderata, come a volte si sente dire, bensì pragmatica nella migliore tradizione sovietica: fallito l'assunto iniziale (che l'Occidente avrebbe sbracato, per interessi di gas e di ripresa economica, anziché compattarsi in difesa dell'Ucraina), e fallito il colpo strategico (la presa in breve tempo di Kiev, la caduta del governo di Zelenski e la gestione 'imperiale' del nuovo satellite ucraino), molti nelle alte gerarchie russe probabilmente non vedono via migliore che consolidare il consolidabile e far rientrare la crisi. Ma Putin non è un presidente da far dimettere. Paradossalmente, il suo è un atteggiamento para-leninista: un leader rivoluzionario resta tale fino alla morte, perché la rivoluzione è permanente o non lo è. E' il concetto in base al quale andò al suo destino Gheddafi. Il Rais libico e Putin, messi alle strette, sono stati entrambi capaci di scatenare il terrore assoluto. La differenza tra i due, naturalmente, esiste: lo zar non è leninista. E' il principale esponente delle democrazie autoritarie, uscite dal naufragio gestionale che negli anni Novanta caratterizzò il modo in cui gli Stati Uniti affrontarono l'avvenuto crollo del maggior sistema-Stato ideologico sopravvissuto alle bufere del secolo, l'Unione Sovietica.  Le democrazie autoritarie sono caratterizzate dall'assenza di ideologia e dal rapporto diretto con larghi settori dell'opinione pubblica. A Mosca non esiste più, come ai tempi della classe dirigente sovietica, l'assunzione collegiale delle scelte; ma resiste, nel leader, il ricordo della dimensione globale dell'influenza, del potere, della 'gloria' russa, che fa da sfondo alla visione del mondo di Putin e della quale resta l'ossatura gigantesca dell'armamento nucleare. Che, a questo punto, rischia di funzionare da deterrente solo in un senso, nel campo avverso, tra le fila della Nato. Che Putin sia paranoico, malato o altro, secondo quanto cinguettano continuamente i social, è indifferente: in realtà è il prodotto ibrido del passaggio dal XX al XXI secolo. Gas e violenza. Così la guerra è venuta a trovarci.

 

© Riproduzione riservata