Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
13 giu 2022
Commento

Zoff, Gentile, Cabrini

di MASSIMO PANDOLFI - Un anno fa, di questi tempi, cominciammo a innamorarci dell'Italia di Mancini. L'11 giugno (2021) battemmo la Turchia 3-0, il 16 giugno con lo stesso risultato la Svizzera, poi l'1-0 al Galles prima del cammino trionfale e anche un po' fortunato sì, contro Austria, Belgio, Spagna e Ingilterra, dagli ottavi di finale alla finalissima di Wembley, vinta. L'11 luglio 2021 siamo diventati campioni d'Europa, così come l'11 luglio 1982 diventammo campioni del mondo con Zoff, Gentile, Cabrini; Oriali, Collovati, Scirea; Conti, Tardelli, Rossi, Antognoni, Graziani. 'Rossi, Tardelli e il terzo di Altobelli' cantavamo impazziti nelle piazze italiane (fra poco è il qarantennale) al fischio finale di Italia-Germania 3-1.. Come cambiano i tempi. Dopo l'europeo del 2021 abbiamo conosciuto la Macedonia che ci ha sbattuti fuori dal mondiale e l'impresa di neanche un anno fa ci sembra lontana anni luce. Ma prendiamo le ultime due Italia campioni del mondo. Del 1982 (secondo millennio) abbiamo già scritto,: vogliamo parlare dell'ultima Italia mundial, quella del 2006? Lippi in panchina, 9 luglio finale vinta ai rigori contro la Francia, gioia e festa per le strade sì, il cielo è azzurro sopra Berlino, come dimenticare, ma chi ricorda la formazione tipo di quella Nazionale? Io, confesso, no. A me resta impressa Zoff, Gentile, Cabrini eccetera eccetera, quella del 1982; per il 2006 parto bene con  Buffon, poi vado a tentoni fra un Cannavaro e un Grosso, un Pirlo  e un Iaquinta e sarà anche l'età, per carità, anche se  non credo di essere esattamente pronto per l'ospizio. La vera morale della favola è un'altra: oggi bruciamo tutto in un attimo, non solo nel calcio, e non credo sia un gran bene.

© Riproduzione riservata