ALESSANDRO GALLO
Editoriale

Il cuore grande dello sport

La Romagna affonda? Il mondo dello sport, unito e compatto come non mai, prova a rispondere. A dare segni tangibili di solidarietà. Basket, motociclismo, calcio, tennis e judo: tutti insieme. Mettendo mano direttamente al portafogli od organizzando eventi che possano permettere di raccogliere fondi da devolvere poi alla Regione Emilia Romagna, sulla base dell’iniziativa ’Un aiuto per l’Emilia Romagna’

La Romagna affonda? Il mondo dello sport, unito e compatto come non mai, prova a rispondere. A dare segni tangibili di solidarietà. Basket, motociclismo, calcio, tennis e judo: tutti insieme. Mettendo mano direttamente al portafogli od organizzando eventi che possano permettere di raccogliere fondi da devolvere poi alla Regione Emilia Romagna, sulla base dell’iniziativa ’Un aiuto per l’Emilia Romagna’. Macron, l’azienda di Crespellano nota in tutto il mondo, ha realizzato per la Virtus una speciale t-shirt che sarà indossato domenica da capitan Belinelli e compagni prima del confronto alla Segafredo Arena con Tortona. Le magliette saranno disponibili anche allo Store dell’Arena: tutto il ricavato sarà devoluto in beneficenza. Luca Baraldi, ceo di Virtus: "Un’iniziativa che abbiamo fortemente desiderato come segno di estrema vicinanza alle popolazioni della nostra Regione. La realizzazione di questa maglia ci consente di dare forma concreta all’aiuto che il club e i nostri tifosi possono offrire a questa grande iniziativa di solidarietà. Ringrazio il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini per la entusiasmante accoglienza alla nostra iniziativa e il ceo di Macron Gianluca Pavanello che ha immediatamente risposto in maniera determinante a questa collaborazione per un fine davvero importante”. Sulla stessa lunghezza d’onda proprio Pavanello. «Ogni azione concreta è fondamentale in questo momento per dare il proprio sostegno a una popolazione e ad una terra ferita. Una terra che è la nostra. Ci sentiamo particolarmente coinvolti e siamo felici di essere al fianco di Virtus e Regione Emilia-Romagna in questa iniziativa che sono certo avrà il sostegno totale da parte dei bolognesi e dei tifosi Virtus”. Non poteva mancare la replica del numero uno della Regione, Stefano Bonaccini. “Un grazie di cuore alla Virtus e a Macron per l’iniziativa di domenica. Il mondo dello sport, dalle società ai tifosi, è fra quelli che più si sono mobilitati per le popolazioni colpite dall’alluvione, dimostrando ancora una volta come la solidarietà sia fra i valori fondanti di ogni disciplina e pratica sportiva, agonistica e no, professionistica o amatoriale che sia. Così come la raccolta fondi che abbiamo avviato come Regione, ‘Un aiuto per l’Emilia-Romagna’, sta registrando un’adesione larghissima. Insieme, con l’impegno di tutti, ci rialzeremo ancora una volta”. La Virtus è andata anche sul campo. Proprio così: una delegazione bianconera, nel pomeriggio, ha raggiunto il Parco Mita di Faenza, per regalare un sorriso, un’ora di serenità a chi, ora, ha mille preoccupazioni. A guidare tutti c’era il dg Paolo Ronci e, con lui, Daniel Hackett, Alessandra Orsili, Francesca Pasa e i tecnici delle giovanili Sebastiano Pedrazzani, Davide Moro, Andrea Mazzarini e Chiara Renda. Anche il comitato regionale della Federbasket si è attivato per una raccolta a favore degli alluvionati. Il basket dispensa assist? Beh, la moto dà gas. E la Ducati campione del mondo con Pecco Bagnaia devolve 200mila euro alla Protezione Civile. Ma la Rossa di Borgo Panigale va oltre: dipendenti e sindacati devolveranno un importo pari a un’ora di lavoro. E l’azienda Ducati raddoppierà tale importo. Si muove in Nettuno Tc. Il circolo di via Fancelli 5, in occasione del torneo sociale (sabato), raccoglierà fondi attraverso un programma di yoga. E si muoveranno anche Combat Academy Crevalcore e Amica Judo Minerbio che, l’11 giugno, a Crevalcore, daranno vita a ’Il Grande Cuore del Judo 2’. Una raccolta la stanno pensando anche i Veterani rossoblù del presidente Roberto Cocchi. Il 24 giugno, a Granarolo, è in programma il primo memorial Romanino Stagni. E il ricordo del centrocampista scudettato nel 1964 sarà legato a una raccolta fondi per le popolazioni alluvionate. Non si tira indietro nemmeno il Bologna Fc di Joey Saputo. Il 50 per cento dell’incasso della sfida con il Napoli finirà in beneficenza. E prima della partita ci saranno una serie di punti di raccolta. Lo stesso Saputo, in questi giorni a Bologna, raddoppierà la cifra raccolta. L’alluvione ha fatto vittime e danni inenarrabili. Ma la solidarietà dello sport non è mai venuta meno.