ALESSANDRO VESPIGNANI
Editoriale

Muscoli e alternative

Marchigiano, 71 anni, professore di procedura penale, Glauco Giostra è uno dei massimi esperti di ordinamento penitenziario, esecuzione della pena e misure alternative alla detenzione

È stato uno dei giovani padri del nuovo codice di procedura penale in vigore dal 24 ottobre 1989. Giuliano Vassalli lo volle nella commissione ministeriale che elaborò la più importante svolta nell'amministrazione della giustizia in Italia. Marchigiano, 71 anni, professore di procedura penale, Glauco Giostra è - fra l'altro - uno dei massimi esperti di ordinamento penitenziario, esecuzione della pena e misure alternative alla detenzione. Più volte, in interventi e pubblicazioni, ha messo in guardia dal ricorso a una "muscolatura sanzionatoria", alle "folate punitiviste" sottolineando come "certezza della pena" non significhi "certezza del carcere". Parole che contribuiscono ad alimentare il dibattito innescato dal decreto Caivano che amplia la possibilità di imporre la custodia cautelare in carcere per i minorenni all'interno dei 17 istituti attivi in Italia dove sono reclusi circa 400 ragazzi, più della metà dei quali è maggiorenne. Un altro aspetto che pone interrogativi e giustifica perplessità sulla qualità del percorso di rieducazione del minorenne. Alzare il livello della risposta repressiva, come hanno sottolineato Melita Cavallo e Marco Rossi Doria nelle interviste al nostro giornale, non può essere l'unica soluzione. Si cambia solo con la sinergia di tutte le istituzioni e, per usare le parole del professor Giostra "con il coraggio delle pene alternative".