ROSALBA CARBUTTI
Elezioni Emilia Romagna

Patto De Pascale Lepore per le Regionali: “Le correnti non bastano più”

Lo sottolinea il sindaco di Bologna, che non era tra i sostenitori del collega di Ravenna, nell’incontro a Palazzo d’Accursio. Ma ribadisce il peso della città delle Due Torri: “Deve essere il collante della Regione”

Bologna, 11 luglio 2024 – Patto per le Regionali tra Michele de Pascale e Matteo Lepore prima della Direzione Pd di domani che ufficializzerà la candidatura del sindaco di Ravenna per il post-Bonaccini. Un patto che qualcuno l’ha già soprannominato del basket, visto che il sindaco di Bologna ha consegnato al collega un pallone con le firme dei giocatori della Virtus. Ma, assicura, “presto arriveranno anche quelle della Fortitudo”.

Sorrisi e strette di mano: il patto tra Michele de Pascale e Matteo lepore per le prossime elezioni regionali (foto Schicchi)
Sorrisi e strette di mano: il patto tra Michele de Pascale e Matteo lepore per le prossime elezioni regionali (foto Schicchi)

De Pascale, a Palazzo d'Accursio con Lepore, non si sbilancia, “aspetto domani, abbiamo i nostri riti, si decide nei luoghi opportuni”, ma spiega che “c’è un dialogo per costruire una coalizione ampia e non c’è stata elezione dove il civismo non abbia avuto un ruolo importante”.

Una risposta anche alla futura competitor, Elena Ugolini, la preside del Malpighi civica già in campo e che presto, probabilmente, avrà il sostegno dei partiti del centrodestra. “Ugolini non la conosco, ma credo che si possa fare una campagna elettorale sui temi, senza insulti”, probabilmente però “dovremmo concederle qualche settimana per entrare in questo nuovo ruolo, soprattutto sulle prime uscite quando ha aperto al centrosinistra, quando tutti sappiamo che ci sono riunioni della destra per sostenerla…”.

Lepore, che non era tra i sostenitori di de Pascale, però, fa sapere che "ci troviamo di fronte a momenti in cui correnti e alchimie non bastano più…”. E ricorda il peso di Bologna: “Deve essere il collante della Regione e ci teniamo davvero che assieme agli altri sindaci possa dare un mano”. Un ruolo fondamentale che “deve andare oltre ai semplici posti in giunta”, ricordando come “l’alluvione abbia saldato il rapporto tra i sindaci per trovare le soluzioni. E al di là di alchimie e correnti, credo che in Emilia-Romagna si sia trovata una squadra”.

Non manca un augurio a de Pascale: “Chi sarà presidente della Regione dovrà essere coraggioso come Elly Schlein, anche assumendosi dei rischi”.

Infine, un ringraziamento a Vincenzo Colla, l’assessore regionale al Lavoro che ieri ha lanciato la corsa di de Pascale, sfilandosi, di fatto, dalla competizione: “Serve un progetto, una visione, l’entusiasmo. E credo che quello che ha detto Colla ieri sia molto importante ancora più umanamente che politicamente. In questo momento le correnti non bastano più”.