Bologna, 24 settembre 2021 - Per i cittadini dell’Emilia Romagna i costi di luce e gas sono stati piuttosto salati durante i lunghi mesi di lockdown dovuti alla pandemia. Secondo l’analisi di Facile.it, la bolletta elettrica, nel 2020, ha raggiunto i 503 euro, vale a dire il 7,7% in più rispetto al 2019 (a fronte di un aumento nazionale del 7,5%). È andata relativamente meglio sul fronte del gas; i consumi sono rimasti sostanzialmente stabili e i residenti hanno così potuto beneficiare in pieno del calo delle tariffe spendendo, in media, 931 euro. Nonostante questo, però, la bolletta del gas risulta essere la seconda più alta d’Italia.

Bollette luce e gas: la classifica italiana

Aumento bollette 2021: ok al decreto anti-stangata. Ecco cosa prevede: il Pdf - Draghi: "No aumento tasse. Se contagi sotto controllo nuove riaperture"

Complessivamente, quindi, tra luce e gas, nel 2020 le famiglie emiliano romagnole hanno messo a budget 1.434 euro, vale a dire il 15,7% in più rispetto alla media nazionale; il dato fa guadagnare alla regione la maglia nera d’Italia per quanto riguarda il costo delle bollette. E il timore è che per il 2021 la cifra sia ancora più salata per via dei rincari. L’Emilia Romagna, dicevamo, è al secondo posto in Italia per quello che riguarda la bolletta del gas: 931 euro di costo medio per famiglia insieme al Piemonte. In vetta alla classifica c’è il Trentino Alto Adige con 935 euro. La Sardegna, invece, ha il non invidiabile primato della spesa più alta dell’energia elettrica per famiglia: 584 euro.

Nel 2020, sempre secondo l’analisi di Facile.it, la famiglia marchigiana ha speso mediamente 490 euro per la bolletta elettrica e 817 per la bolletta del gas. Per un totale di 1.307 euro.