Bologna, 9 ottobre 2021 - Mentre l'Emilia Romagna punta ormai al 90% della popolazione vaccinata contro il Covid, l'epidemia in regione resta sostanzialmente stabile. Il bollettino di oggi registra in regione 267 nuovi positivi al coronavirus (ieri 270). I nuovi casi sono stati rilevati dalll'analisi di 30.472 tamponi, eseguiti in 24 ore. Il tasso di positività oggi è dello 0,9%.

AGGIORNAMENTO Covid Emilia Romagna, il bollettino del 10 ottobre 2021. Dati e contagi

Le vittime sono 5, tra queste anche una donna di 54 anni di Bologna e un uomo di 66 anni di Ferrara.

I pazienti emiliano romagnoli ricoverati in terapia intensiva Covid sono 42 (+ 3 rispetto a ieri), 308 quelli nei reparti ordinari (-19).

La mappa del contagio  vede Bologna con 96 nuovi casi più 3 nel Circondario Imolese, seguita da Ravenna (47); poi Rimini (26), Modena (25) e Reggio Emilia (18); quindi Parma (16), Piacenza (14), Ferrara (11) e Forlì Cesena (10 nel Forlivese e 1 nel Cesenate).
 

Covid oggi: i contagi in Emilia Romagna del 9 ottobre
I guariti dal Covid in Emilia Romagna sono 170 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 397.789. I casi attivi, cioè i malati effettivi seguiti dal servizio sanitario, oggi sono 14.897 (+92). Il 97,6% dei casi attivi è in isolamento a casa, senza sintomi o con sintomi lievi.

Terza dose: tutto quello che c'è da sapere

Coronavirus in Italia: dati e tabella delle regioni 

In Italia sono 2.748 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 3.023. Sono invece 46 le vittime in un giorno, in aumento rispetto alle 30 di ieri.

Sono 344.969 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore (ieri 271.566). Il tasso di positività è all'0,8%, in calo rispetto all'1,1% di ieri.

I ricoverati con sintomi sono 2.692 (50 in meno di ieri), quelli in terapia intensiva 367 (16 in meno, con 16 ingressi del giorno, rispetto ai 17 di ieri).

I dimessi/guariti sono 4.481.462 con un incremento di 3.325 unità nelle ultime 24 ore.

La regione con il maggior numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore è il Veneto (350), segue la Lombardia (284), la Sicilia (283) e la Campania (269).

Veneto, altri 350 positivi - I dati Covid della Toscana - Coronavirus nelle Marche

Tra gli over 80 il tasso di ricovero negli ultimi 30 giorni è di 8 volte più alto tra i non vaccinati rispetto ai vaccinati con ciclo completo (222,5 contro 26,8 ricoveri per 100.000 abitanti) e quello di decesso di 13 volte più alto (129,5 contro 9,8). Lo scrive in un Tweet l'Istituto superiore di Sanità evidenziando il dato contenuto nel nuovo Documento esteso Covid-19 pubblicato su Epicentro.

Confermata l'efficacia dei vaccini con "forte riduzione del rischio di infezione nelle persone completamente vaccinate rispetto alle non vaccinate", 78% per la diagnosi, 93% per i ricoveri, 95% per la terapia intensiva e per i decessi.

Contagi in Emilia Romagna

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 426.190 casi di positività, 267 in più rispetto a ieri, su un totale di 30.472 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dello 0,9%.

Dei nuovi contagiati, 102 sono asintomatici: 66 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, nessuno con lo screening sierologico, 31 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 2 tramite i test pre-ricovero. Per altri 3 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 41,3 anni.

Ecco la mappa del contagio dall’inizio dell’epidemia: 26.370 casi di Covid a Piacenza (+14 rispetto a ieri, di cui 4 sintomat ici), 32.670 a Parma (+16, di cui 8 sintomatici), 51.198 a Reggio Emilia (+18, di cui 14 sintomatici), 72.051 a Modena (+25, di cui 13 sintomatici), 89.342 a Bologna (+96 di cui 73 sintomatici), 13.551 casi a Imola (+3, di cui 2 sintomatici), 25.670 a Ferrara (+11, di cui 5 sintomatici), 33.812 a Ravenna (+47, di cui 26 sintomatici), 18.711 a Forlì (+10, di cui 6 sintomatici), 21.465 a Cesena (+1, sintomatico) e 41.350 a Rimini (+26, di cui 13 sintomatici). 

Morti Covid in Emilia Romagna

Con altri cinque morti supera quota 13.500 (13.504) il numero dei decessi per Covid in Emilia Romagna dall'inizio della pandemia. Nelle ultime 24 ore sono morti una donna di 54 anni e un uomo di 83 anni a Bologna, un uomo di 66 anni a Ferrara, un 80enne a Parma e a Modena una donna di 88 anni.

Ricoveri in Emilia Romagna

I pazienti emiliano romagnoli ricoverati in terapia intensiva sono 42 (+ 3 rispetto a ieri): 4 a Piacenza (numero invariato); 2 a Parma (invariato); 1 a Reggio Emilia (invariato); 1 a Modena (invariato; 16 a Bologna (+2); 3 a Imola (invariato); 4 a Ferrara (+ 1); 3 a Ravenna (invariato); 3 a Forlì (invariato); 3 a Cesena (invariato); 2 a Rimini (invariato).

Sono invece 308 i malati  negli altri reparti Covid (-19).

 

Vaccino in Emilia Romagna: dati per fascia d'età e notizie

L'Emilia-Romagna punta decisa a raggiungere il 90% di popolazione vaccinata. Ad oggi sono oltre 6,5 milioni le dosi inoculate in regione con una copertura dell'87,4% con prima dose e dell'83,2% con ciclo completo.

Alle 14 sono state somministrate complessivamente 6.576.413 dosi; sul totale, 3.348.017 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (qui il conteggio in tempo reale).

Rispetto alle varie fasce d'età, gli anziani con più di 80 anni risultano vaccinati al 100% con una dose e al 98,4% con ciclo completo. Per i 70enni la copertura è al 93,8% con una dose e al 92,4% con entrambe; per i 60enni si va dal 90,8% all'89,1%; per i 50enni la copertura è dell'87,5% con una dose e dell'84,2% con entrambe; per i 40enni si va dall'81,5% al 76,3%; per i 30enni la copertura è dell'83% con una dose e del 75,5% con entrambe; per i 20enni si va dal 90,3% all'82,3%; per i ragazzi dai 12 ai 19 anni, infine, la copertura è del 73,3% con una dose e del 67,9% con entrambe.

"I commenti sono superflui- afferma l'assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini- avevamo l'obiettivo di arrivare all'80% dei vaccinati, ormai puntiamo al 90%". I giovani, in particolare, "spesso etichettati come 'egoisti o poco sensibili'- sottolinea - hanno dato prova di grande maturità e grande generosità, soprattutto di credere nella sanità e nella comunità scientifica, abbandonando gli apprendisti stregoni del web ai loro fallimenti".